22 giugno 2010

2002/2004 La mia vera casa...Il bagno Gustaviano.

Casa mia... quella vera 
era
un vecchio terratetto del 400
 che si trovava nel paese che aveva dato i natali 
al famoso pittore Jacopo Carrucci
detto il Pontormo...


quando l' ho visitata la prima volta... 
era senza bagno 
se si esclude un piccolo sottoscala al terzo piano
con doccia 
e lavandino più bidè..
L' imbecille dell' agenzia immobiliare 
(scusate)
mi avrebbe suggerito
di ricavare una stanza 
ritagliandola nel salone... 
pensate, una stanza con soffitti alti cinque metri 
e 35 mq di larghezza... 
una follia che avrebbe rovinato tutto...

Però c'era un piccolo, 
ma abbastanza grande per un bel bagno,
sgabuzzino...
che fungeva  da cucinotto 
e che sfociava sulla cucina
così
avendo pochi soldi e odiando i muratori...
decisi di chiudere la porta che sfociava sulla cucina 
e di aprirne una nell' ingresso
ecco qua

vedete? Avevo chiusa la porta in cucina e
aperta una piccola porta nell' ingresso...


quindi avevo messo un pavimento di PVC a quadri
appoggiato sul vecchio pavimento
avevo dipinto le mura 
 ispirandomi ad un
 lavoro fatto da una rinomata designer inglese

ecco dei particolari
anche il lampadario era stato fatto a mano su mio disegno 
dal signore che si vede nella foto di sopra
che aveva veramente le mani d' oro..



uno specchio dipinto
Shabby

 e sempre su mio disegno aveva anche  aveva realizzato a mano 
 una consolle da lavandino
che io avevo dipinto
e
che considero un capolavoro 
scusatemi la presunzione e
ecco fatto questo era il risultato

peccato che le foto siano sempre così pessime...
 e dopo

 
veramente
 il bagno dei miei sogni ...
non vi dico che problema portarci la vasca 
su per le piccole ripide scalinate eheheh


la porta e la parete 
erano ispirati ad un dipinto 
di  un castello visto su un libro...
dipinti alla mia maniera
un pò Shabby...
la vasca era in un disfacimento 
ed io l' avevo dipinta di nero 
e dorato le gambe a zampa
insomma non riesco nemmeno a pensarci 
ma come è stato possibile 
che io lasciassi quella casa?

ii so pazz!!!!!!


20 giugno 2010

2002. Case. La mia cucina Gustaviana.


Questa era la cucina della mia casa. 
La mia cucina, 
la cucina dei miei sogni
 quella che mi è costata di più in termini 
di cambi nella vita
Era così che la sognavo e così me la ero fatta
era il 2002
ed ero finalmente riuscita ad acquistare una casa
la mia casa dei sogni. 
Mi assomigliava totalmente 
e la cucina Gustaviana
era il mio capolavoro

Questa che vedete 
era il punto da cui era partita la mia ispirazione..
era il luogo che assomigliava di più 
a quello che desideravo......
Tratto dal libro
Case Svedesi
Lara Sjòberg
Ursula Sjòberg

fotografie
Ingalill Snitt

casa editrice
Avallardi






La mia cucuna 
Era così quando la vidi 
per la prima volta
questa, era la casa prima di me...


e questa cominciava ad esserlo dopo...
il prima e il dopo era impressionante...
col tempo poi l' avevo cambiata...
migliorata... 


dipinta e affrescata
in stile Gustaviano.


sempre più amata
avevo lasciato
 che tutto mi assomigliasse...che fosse mio...
La mia cucina... era me.
Ma... non sempre quello che si sogna poi...è
così davvero...

In questa foto
Era l' ottobre del 2004... 
prima che io fossi costretta a lasciarla
con un dolore ...che posso solo farvi immaginare...
e che ancora mi brucia dentro...
 vi chiederete ....perchè????

..
Le cose tra me e Lui cominciavano a non andare più...
qualcosa non funzionava... 
Lui ...proprio Lui dopo avermi supportato 
creduto aiutato stimolato...
non ci credeva più...
Lui non voleva più vivere in Italia
si era scontrato con la realtà delle difficoltà...quotidiane,
con la burocrazia
i cattivi pagatori
le scorrettezze varie 
che ogni lavoro come il nostro conosce bene.
Mettiamoci poi le differenze 
di lingua, di educazione, di cultura..
insomma.
quello che era riuscito a me, 
ambientarmi in un altra nazione e viverci bene... 
a Lui ...non riuscì!!!
Ci separammo e così ...
dovetti lasciare di nuovo tutto.

La Vostra Marzia-Sofia

18 giugno 2010

1999 Laboratorio d' Arte a Firenze. "Niente di Nuovo"





                                                                                        un  
                                                           Laboratorio in Via Romana a Firenze





                                                    

17 giugno 2010

2004.La casa del Marchese di Carabas. Il B&B


La Hall
la cameretta


un altra camera

                                                                        
                                                                un bagno



un angolo del giardino

scorci ... terrazzo



angolo relax




i terrazzi


In questa casa 
Il Marchese di Carabas
è attivato un servizio di B&B
per prenotazioni

348 7101380

dopo l' alluvione...si ricomincia ad Aprile 
prenotatevi
che ci sono poche camere...






16 giugno 2010

Il nono Terratoscana 1999

1999

questo negozio era situato in 
una grande arteria che dalla City portava verso il nord...
e fu l' ultimo Terratoscana. 
Lo aprimmo quando già abitavamo in Italia...
vi chiederete perchè? 
Era la fine del 1999
decidemmo di trasferirci... Lui 
compiva 50 anni e aveva voglia di vivere al sole...
Firenze aveva tanto sole, e tanta arte e cultura... 
e poi ...perchè nell' ottavo negozio ...
(come ormai sapete)
successe qualcosa...
qualcosa di veramente determinante!!!


riprendo fiato ok?
La corsa è stata dura per arrivare fino qua 
ho dovuto tirar fuori la memoria 
e rispolverare i ricordi ..
ma prima o poi ce la farò a rimuovere tutto...

La vostra Marzia-Sofia

15 giugno 2010

Lavori Una scrivania...in stile settecento...

questo era un bel mobile anche in legno...
ma stava in una stanza tutta bianca 
con uno splendido pavimento in marmo bianco 
con delle sottili venature grigie 
vicino ad un caminetto di pietra serena 
e allora abbiamo deciso di trasformarlo...
abbiamo usato il colore la fantasia e l' argento a foglia 
poi.... una patina di nostra invenzione 
che lo ha reso vissuto e...perfetto!!!

12 giugno 2010

1997 il settimo Terratoscana ad Hamburg.

Ricominciare a contare è un pò dura 
Il VII
Terratoscana

si trovava in Hallerplatz



uno dei quartieri più eleganti della città
qui siamo a Natale....



quel quartiere dove prima della guerra 
vivevano gli Ebrei
Amburghesi ricchi

Importavamo tutte le cose dalla Toscana
e si vendevano eccome se si vendevano!!!!

Pensarci adesso
è un pò chiedersi ...dove ho sbagliato?


è dura parlarne
si molto dura
mi sto quasi spogliando di tutti i miei ricordi ...




ecco vedete
foto dei miei ricordi...
son qui
nude e crude....



La mia prima vita. Parte III

Come eravamo...   La passioni si manifestano in noi, fin dalla più tenera età. Ci si depositano nell'anima e non ne escono più. Arruggin...