13 settembre 2013

Il mio Bagno più Gustaviano



Non mi stanco mai e sopratutto
non mi stanco di farvi rivedere
il mio lavoro più simile all' idea di bello che ho in testa
giorni fa 
appena tornata dalla vacanza e intenta ancora a riprendermi dallo schok
mi sono messa a rifotografarlo
è vero l' o fatto mille volte..
ma visto che ho in serbo per voi una grossa novità
sto cercando di rimettere a posto
centinaia di foto
che dico migliaia e così
mi sono spuntate due foto
del prima...



beh in verità si trattava di un bagno per handicappati
nel retro di un ristorante all' interno di un antico palazzo
non era granchè
ma mentre tutti mi dicevano ma lascia stare
è un impresa che ti costerà una cifra assurda
io stavo già lavorando col mio cervello instancabile


ero sicura che sarebbe venuto bellissimo 
diciamo che lo avevo esattamente in testa
e pensare che avevo pochissimo budget per realizzarlo
ma, tanta era la voglia...


la boiserie al muro 
è frutto di un riciclo di vecchi pannelli di laminato
finto legno
solo quelle del pavimento le ho acquistate nuove
e di colore adatto 
il resto erano donazioni o rimanenze
...e io... le ho dipinte




ora quando le si vedono paiono di legno
e legno imbiancato e sporco
per di più
sono fantastiche
le bordature le modanature e 
i cassettoni Gustaviani sono di polistirolo
la vaschetta era da un rigattiere e non vi dico cosa costa
perchè ora ha un valore per me inestimabile...


la consolle francese da parrucchiere 
anch' essa comprata in uno dei miei viaggi 
a La Isle sur la Sorgue
e appesa fissa dal primo giorno
la consolle da lavandino 
è la metà superiore di un vecchio tavolo rotondo
dipinto a marmorizzatura a cui è stato fatto un taglio 
della grandezza del lavandino


alcune modifiche
tipo la doccia 
e il portasapone e le altre comodità sono arrivate
da pochissimo un paio di mesi
il bagno è stato fatto nel giugno 2011
e veramente mi dicono e lo vedo
sta dovunque su Google immagini
e sui Blog o i giornali di arredamento di tutto il monso


io sono orgogliosa del mio bagnetto
perchè solo io so quanto mi è costato che non sia denaro...
e credo sia uno dei miei lavori più indicativi
di quanto con poco si riesca ad apparire molto
forse è il segno di questo tempo
tutti sanno tutto 
possono fare tutto
possono dire tutto..
Chi sa se in certi casi è un bene???
Buona giornata amici e non stupitevi del mio silenzio
aspettatevi novità.

La vostra Marzia Sofia

9 settembre 2013

Un mare da amare...


A volte mentre le vivi sai che le cose
hanno un sapore particolare
a volte te le godi fino in fondo
anche se chi ti sta intorno 
magari
nemmeno lo sa..
quanto sono belle importanti
serene
e nemmeno sa quanto preludono
al rimpianto
o anche solo al ricordo...


e così ti trovi a vivere un qualcosa 
che nemmeno avresti sperato
qualunque cosa SIA
sai bene che niente è come sembra 
ma speri sempre che lo sia
e se tu potessi descrivere una perfezione tua
lo faresti solo vivendo quello che stai vivendo..
sognando quello che stai sognando
esattamente in quel momento...


ci sta che dentro di te... tutto quanto sia
appena appena sereno...
sia più di quanto chiunque altro si aspetti lo sia per se
ma il malinteso o il presupposto
fanno parte dell' immagine che ciascuno di noi si porta appresso..
Quante volte vi è capitato di aver sbagliato giudizio?


vivere ogni istante ci dicono
 ma certi istanti sono proprio belli e altri invece
non lo sono altrettanto
accettare che quelli belli cancellino quelli brutti
lo si può fare solo quando si ama
e quando si ama non si sa mai il perchè si ami...


a volte tutto è così dolce che ti pare anche troppo dolce
quasi esageratamente dolce
ma l' amaro subito ti ricorda che il dolce è stato?
Quando anche il silenzio delle cose che ti circondano è una melodia
allora sai che ovunque tu ti trovi
sentirai
una pace dentro e una serenità
che alla fine
saprai di aver vissuto...


c'è qualcosa nell' amore che è sconosciuto ai più
ed è l' imprevedibilità
è il sapere che potrebbe finire
anche se speri che non finisca mai...
ma certi amori
sono aliti sottili di respiri, vite che si affacciano
sulla tua
spazi in cui ti ritrovi vicini anche da lontani
e il tempo che cancella la maggior parte dei vissuti
e ne accentua altri
preme per incastrare i ricordi gli uni sugli altri
eppure...


qualcosa dentro di te ti fa capire
 quando un ricordo un attimo un secondo 
è diverso dagli altri
e lo fissi da lontano 
quasi timorosa di sbagliare
ma sai 
lo senti....
che non ti serviranno gli occhiali per ritrovarlo
dentro al cuore...


e nell' imperfezione delle cose 
che trovi sempre gli sguardi che hai lasciato
le vite che hai incontrato
sai che alla fine tutto si fermerà
ma sei contenta di averlo smosso...


fissi un traguardo che nemmeno sapevi di avere
 e sai che una mano vicina c'è
 e ci sarà sempre e anche se non sai come
senti che ti puoi aggrappare a quella mano,
puoi fare conto
 su quella vita..


e ti rendi conto ancora di più 
ancora una volta
che è quella che vorresti
quella esatta vita...
e anche se sai che non la possiederai mai
sai che potrai viverla
comunque
perchè l' Amore... è come la vita
non puoi possederla... puoi solo viverla...
è un prestito...con gli interessi


e allora ti siedi e aspetti..
sai che da qualche parte
ritornerà
e aspetti che ritorni
senza farti illusioni
sicura che tornerà
e che avrà sempre le stesse sembianze
 quelle che conosci 
quelle che sai 
non dimenticherai mai.

La vostra Marzia Sofia

che ha in serbo tante sorprese ma che voleva
informarvi che son tornata
prima devo sapere dove, ma son tornata...
da qualche parte....

2 settembre 2013

Bei tempi...quelli andati.Che non sono andati mai...


Ormai ho l' età dei ricordi
e a volte mi scoccio anche io 
di sapere che sto per diventare così nostalgica
ma quello che è avvenuto ieri sera
è uno degli incontri
che sono così rari 
e che danno un senso a tutta la vita...


io, che sono spesso così assolutista
e credo in poche cose 
perchè mi illudo di vedere nudo
nel senso di essere più realistica del re
beh ieri sera mi son dovuta ricredere 
su un paio di cose...



primo, sul fatto che l' amicizia quella vera non esiste...
Esiste eccome!! se esiste!!!
 e d' un tratto lo so...
L' incontro di eri sera 
che era stato preceduto da un altra breve serata
avvenuto dopo ventitrè anni
sempre grazie prima ad un incontro casuale e poi
a Facebook
è stato rivelatore di una cosa..


una cosa che non avrei mai creduto potesse essere
io ho avuto tutta la vita una sola vera amica
coetanea
mai gelosa mai invidiosa sempre complice protettiva e 
uguale a me per elezione...
oltre quelle che io ho eletto ad amiche
ero convinta di non averne avute tante
ma forse io metto sempre più in alto l' asticella delle difficoltà
quelle classiche
 erano dei surrogati materni...
ma lei è la sola
una sola vera grande amica
Paola...
e non voglio far torto ad un altra e lei sa di chi parlo...


a meno di altre rivelazioni 
che a questo punto non credo ci saranno
ma che conoscendomi potrei aver sottovalutato
ora ricordo che
io e Paola abbiamo diviso tutto per almeno
dieci anni
escluso i mariti
si intende anche se alla fine nessuno capiva 
chi fosse il suo e chi il mio 
ahhahaha



ieri sera anche se come ospite ero un pò arrugginita..
(dopo due anni in cui i miei vivono con me 
mi è difficile organizzare eventi
o anche solo invitare persone...)
beh l' ho invitata a cena con suo marito
devo dire che forse
 è come con la bicicletta...  una volta imparato...


e io di cene e di eventi ne ho fatti a decine e decine negli anni
sopratutto quando c'era lei nella mia vita
abbiamo invitato a casa di tutto
e abbiamo sempre fatto feste mega galattiche
con quantità incredibili di persone
lei c'era sempre...
e sempre complice e mai rivale
una cosa unica...
beh comunque proprio come nella bicicletta 
quando impari ad andarci 
lo saprai sempre fare...




direi che me la sono cavata...
le ho fatto trovare 
con l' aiuto del mio immancabile e insostituibile figlio
una cenetta alla tedesca
come avrei fatto se lei mi avesse fatto visita
quando per dieci anni ho vissuto là
come se io non me ne fossi andata da un giorno all' altro
con un signore conosciuto sulla spiaggia 
dove da anni andavamo insieme...
Si io l' ho abbandonata e faccio pubblica ammenda
avevo cose sullo stomaco che mi facevano sentir male
anche se ho capito che lei sapeva
io non volevo che pensasse che ero stata io
ma lei aveva capito come era andata fin da subito!!
Non riuscivo a nasconderle nulla mai...
lei mi conosce come le mie tasche...
si insomma l' ho abbandonata
da un giorno all' altro dopo anni che vivevamo in simbiosi
totale giornaliera...
L' ho fatto di sparire così perchè mi sentivo male di abbandonarla
non avrei potuto sopportare il suo addio
lei era come la sorella che avrei voluto
e io si me ne sono andata e non l' ho cercata mai più
faccio un pò schifo eh??


ma lei e anche io a questo punto
lo so dntro di me
di non averl mai dimenticata
e che lei
non mi ha mai dimenticata
e anche adesso siamo veramente così in sintonia 
che credo non ci lasceremo più
Suo figlio un bellissimo ragazzo di diciassette anni
ci ha guardate parlare all' unisono...
e si è stupito
ha detto a sua madre
questa è pazza come te ehehheh
Abbiamo anche la fortuna di vivere  vicinissime ora
e
spero che la vita non mi porti più
via da lei fisicamente 
ma moralmente
lei ci sarà sempre  non l' abbandonerò mai più...
che fa parte dei miei ricordi 
è come la mia memoria
quasi una mia biografa
il mio passato e il mio presente e pure il mio futuro



Io avevo dimenticato cose
 che lei ricorda perfettamente e 
ora so che non ho vissuto invano
qualcuno che mi ha sempre voluto bene c'è.
Lei... 
E credo perfino di non meritarla una persona così
tanto è cara...
Io si sa sono molto umorale..e difficile da capire
ma lei mi ha capita sempre
c'era sempre in ogni momento importante...
e credo che non mi abbia mai abbandonato
mi conosce... sa che torno sempre
basta aspettarmi... e io arrivo prima o poi...
e sa che su di me si può sempre contare
nonostante tutto.


Forse davvero questo
 è il senso vero dell' amicizia
 come dicono i molti che 
parlano e basta
ora ho la fortuna di averlo provato!

Gli amici non si scelgono per caso 
quelli veri li maturi li testi li provi e ti mettono alla prova
puoi parlare quanto vuoi di amicizia ma se non la provi
e non la strapazzi
non sai cos'è...

Grazie Paoletta..
un bacione grande grande...
ti voglio bene davvero...


PS se volete saper il menu
chiedetemelo!!!
vabbeh ve lo dico...

Antipasti classici rivisitati alla tedesca
Classiche Vorspeise Fingerfood
Caprese 
Melone e Prosciutto
Uva e formaggio Emmenthal svizzero
torta di spinaci con lo speck

Primi piatti

Gnocchetti tedeschi di spinaci al burro fuso
e Crema di Porcini
Spaetzle mit Butter und Bacon
Steinpilze Cremesuppe

Secondo

Filetto di Maiale con Crema di Cambozola e pistacchi
(un misto di Camembert e Gorgonzola)
 accompagnato da patate al forno 
con cubetti di pancetta affumicata
su insalatina e 
due crostini di pane all' aglio
Schweine Filet
mit Cambozola Sosse
mit Knoblauch Brot und BratKartoffeln

avrei preparato un dolce al cucchiaio
di Yogurt e Frutti di Bosco Freschi
ma la mia amica ha portato una torta simile 
quindi ho abbandonato l' idea...


Chi dice che in Germania si mangia male???
La vostra Marzia Sofia

31 agosto 2013

Una buona...pennellata...


ormai ci sono moltissime creative 
come si usa chiamarle oggi 
(che la parola artista è veramente straabusata )
che si cimentano in lavori di trasformazione...


ogni giorno vedo su FB 
mari di trasformazioni di ogni genere
alcune sono brave altre meno.. ma
si capisce che tutte sono soddisfatte
e ci mostrano orgogliose il loro lavoro
io che sono bastian contraria di natura
sento una sorta di rigetto
che forse è solo la mia innata incapacità 
di competere, pare una gara
il pennello è come un attributo maschile...
non faremo anche noi a chi ce l' ha più duro???
Il pennello...si intende


io penso molto e siccome so 
di fare questa specie di mestiere
 della trasformazione 
da molto tempo
come dico sempre ho cominciato
nel 96 dello scorso secolo
quando purtroppo mia nonna venne a mancare...
mi rendo conto di una cosa
tutto è massificato
se piace esplode...


La mia storia è diversa di ricerca non di imitazione..
avevo ereditato molti vecchi mobili in stile 
e non avevo assolutamente la possibilità
di comprarne di veri vintage francesi o Gustaviani
così decisi con l' aiuto di mio zio
bravissimo pittore e decoratore
di iniziare a valutare una tecnica 
di invecchiamento ad arte


prova che ti riprova
per la verità allora era il mio compagno 
che si sobbarcava la parte più fastidiosa
mi misi in testa di provare...a rendere antico
 o almeno simile all' antico quello che non lo era...
e negli anni 
LE PROVE DICONO CHE CI SONO AMPIAMENTE RIUSCITA 
TANTO CHE FORSE LI RENDEVO TANTO ANTICHI 
CHE NON STAVANO DA NESSUNA PARTE 
Nè COI NUOVI Nè CON GLI ANTICHI...



da allora ho lavorato tantissimo
come sanno quelli che mi seguono
e come dice mio figlio spesso
ci credano megalomani
perchè raccontiamo e mostriamo tutto
 il lungo cammino da allora 
che ci ha portato qua a sembrare
quasi un autorità in materia
ebbene però...c'è da dire una cosa...


a volte si mette da parte tutto il sapere
e si fanno cose semplici veloci di effetto
cose che alla fine sono sempre più massificate
e sempre più simili
perchè la novità
è difficile da far digerire e la massa spesso decide
quello che va di moda e quello che no...


così quando hai già stabilito
una cifra che già ti pare al limite della sopravvivenza...
(se qualcuno dello stato
viene a dirmi qualcosa lo sbrano!!)
 poi... quando tu hai finito...
qualcuno ti dica: sai c' avrei ancora un 
TAVOLINO
e allora tu storci gli occhi
pieghi la bocca il sorriso ti si spegne un pò ma poi che fai???
fai come tutti...
prendi il tavolone e lo imbianchi...
punto e basta..


Allora chiappi il pennello e gli dai una pennellata...
come pensano comunque che tu faccia..
perchè dopo anni ed anni di esperienza 
pittureresti di bianco anche un fantasma...
e che ce vò???
Na pennellata!!!
e fai quello che potrebbero fare anche da se...
Meno male che ormai ci sono i colori che aiutano..
o almeno stanno arrivando...

e questo colore è micidiale... 
non vedo l' ora di potervi dire cos'è
non vi darà la mia pennellata sia chiaro...
 quella sarà comunque la vostra
pensate che mio figlio che è bravissimo, più di me nella precisione
ne ha fatti un pò e poi la signora ha voluto che li ritoccassi tutti...
perchè signori miei.....
non so come mai ma...
NONOSTANTE TUTTO LA MIA PENNELLATA SI VEDE ...
ECCOME SE SI VEDE!!!
BUONA PENNELLATA A TUTTI...

la vostra Marzia Sofia

29 agosto 2013

Un nuovo colore...esperimenti segreti...

Quando un lavoro
finisce
c'è sempre un misto di gioia di sollievo
e uno di malinconia
per questo tendo sempre  a non finire i lavori..


a volte inizio pensando ad una cosa
e poi la espongo al cliente
che magari nemmeno ci pensava come nel caso di questo tavolone
scuro e imponente


a me non piaceva così rendeva questo angolo tetro e spento
giorni fa lo avevo fotografato per una rivista
e mi era venuto in mente
come sarebbe stato bello poterlo
schiarire

l' opera di convincimento è il mio forte
io purtroppo i lavori li farei anche gratis pur di farli
quindi ho fatto alla cliente un offerta che non 
poteva rifiutare

ed ho iniziato il lavoro
avevo anche sperato che lei ci ripensasse dico la verità
quando ho visto con gli occhi aperti
la mole di lavoro che mi si presentava davanti
una cosa è dirle
una cosa è farle le cose...


così mi sono data da fare e con Ty
che per fortuna brontolando per le promesse impossibili che faccio
è venuto ad aiutarmi e in due giorni
con l' aiuto di un colore sperimentale
di cui poi
spero di potervi parlare presto


ci siamo messi d' impegno e 
se ormai mi conoscete
avete dei dubbi
su chi l' avrebbe avuta vinta su un tavolo di tre metri per uno
e dieci sedie complicatissimi più una sdraio 
e un lettino
e un carrello e un tavolino
?
Provate ad indovinare???

non abbiamo nemmeno mangiato seduti
e con un panino in piedi
io avevo già iniziato due giorni fa
ty è venuto ieri
ecco guardate sotto cosa siamo riusciti a fare?


un lavoro immane...
da lasciare senza parole
infatti non so che dire...



anche con l' aiuto di questo fantastico e innovativo colore 
di cui ancora non posso parlarvi
ma lo farò presto
aspettate con fiducia...
il prossimo sarà un tutorial
su come usarlo...
appena la ditta mi da il via
appena sarà in commercio
ve lo comunicherò subito continuate a seguirmi
e foto di questo prima e dopo arriveranno
Ciao
ah oggi vado a rifinirlo seguiranno foto ambientate
attenti al Blog
e alla mia pagina Fan su FB
https://www.facebook.com/AtelierGustavien?ref=hl

la vostra Marzia Sofia


26 agosto 2013

Odio le pareti bianche...


Io ODIO fermamente odio
le pareti bianche
le trovo tristi inutili vuote appunto
e il fiorir di quadri e quadretti non mi fa cambiare idea neanche un pò
caso mai non lo si fosse capito
anzi lo peggiora ai miei occhi...
è vero che fotografate sono migliori forse
ma
le trovo spente spoglie
inutili
preferirei vivere in una casa senza nemmeno un oggetto
ma con le pareti decorate..


Il mio sogno sarebbe una bella villa siciliana
di quelle dove vivevano nell' otto e nel sette
i famosi nobili della
serie dei Gattopardi
quei trompe magnifici ispirati alle Chinoiserie
O le magnifiche case Gustaviane
con i loro affreschi a festoni e tralci
derivate dalla magnificenza esasperata delle corti di Francia
Io amo dipingere sulle pareti affreschi e trompe l' oeil
ma alla mia maniera
poichè in verità detesto
certe vedute perfette di panorami dipinti come quadri
finti come veri...
Per la verità ci sono le fotografie 
e io cerco di rendere quadri anche le foto...



dice ma come sei uggiosa
e antipatica
certo
sono così..lo ammetto...
Sapete io avrei anche voluto 
ispirarmi all' antica Roma ma mai
la Roma di allora con quei colori forti
la Roma di allora... oggi...
faccio per intendermi...
così sciupata e bella...


Ci ho provato dove ho potuto
fino a volte a non accettare lavori o a rimanerne scioccata 
dopo averli fatti e non avere il coraggio di mostrarli ad alcuno
solo che a volte quando non puoi lavorare libero
cioè esprimere quella che è la tua arte
ma credo anche io che giustamente
o meno...
devi seguire le richieste del cliente
e allora secondo me non si sa più a chi dar la colpa dei 
fallimenti di un opera...


beh le cose diventano degli ibridi
sono abbozzate
sono in qualche modo riuscite a metà
non dico che sia il caso in questione ma il finale dell' opera di cui sopra è 
indefinibile per me
non mi piace non lo amo non lo sento
ci sono quadri moderni adesso dove invece si dovrebbe vedere tutt' altro
si dovrebbe a volte poter dire di no a lavori che non ci assomigliano
probabilmente
perchè le persone che ce li impongono non assomigliano a noi
ma è difficile a volte
specie quando per vivere si ha bisogno di lavorare


io vorrei liberare
il mio piccolo genietto e poter lasciare
andare la mia creatività
ma capisco il cliente e quindi mi adeguo
solo che l' adeguarsi non è mai stato il mio forte!
Capite cosa intendo?
Io credo che le pareti bianche siano veramente segno di 
Vittoria facile...
il bianco va bene dappertutto secondo me...ma non SULLE PARETI
ecco lo volevo dire
pensatela come vi pare
io ho detto la mia..
la vostra Marzia Sofia.

Comunque vi do un consiglio..MAI PARETI BIANCHE MAI!
c'è sempre una tenue alternativa...
Bianco ...solo sui mobili!

La mia prima vita. Parte III

Come eravamo...   La passioni si manifestano in noi, fin dalla più tenera età. Ci si depositano nell'anima e non ne escono più. Arruggin...