3 febbraio 2012

Decisioni


Cari amici e amiche
stamani mi son svegliata 
con un raffreddore un mal di testa 
e una gola che pare il deserto
a ferragosto
e pensare che proprio ora 
avrei un mucchio di cose da fare
da pianificare 
da organizzare
da decidere....penso sempre 
che non sarò all' altezza delle mie aspettative
non di quelle degli altri proprio le mie 
che mi son sempre più inarrivabili!!



Sto cercando di arredare 
la casa in cui andrò a vivere 
con mio figlio e  con i miei genitori...
ah se sapeste..
mio padre non fa chiamarmi e stressarmi 
per dirmi.. quando siamo pronti?
quando siamo pronti??..
io da una parte capisco la sua impazienza
ma anche lui dovrebbe capire come mi sento io...
solo che povero..lui non vede l' ora
sente il tempo che gli sfugge e vorrebbe viverlo tutto...




eppure nonostante io sia stata sempre
incredibilmente capace di organizzarmi 
in vita mia..
tanto che una mia amica una volta 
vedendo quello che facevo
mi disse 
TU DAL CAOS RIESCI A CREARE ORDINE!!!
ora stranamente 
sono nella incapacità di fare quello che vorrei 
perchè comunque 
debbo tenere conto anche delle loro esigenze
quelle di due persone anziane 
che stanno facendo un grandissimo passo 
nel venire con me...
e ...ci mancherebbe
ma vorrei fare le cose abbastanza adatte al mio stile
e sapete loro sono della generazione
in cui quelle cose
antichette che a noi piacciono tanto 
loro le hanno buttate via
per farsi tutta la casa " Moderna" finalmente!!
Mia madre lasciò un palazzo nobiliare del settecento..al centro
per barattarlo con un attico anni settanta
in periferia...
nel settantadue quando gli affitti erano
spropositati al valore
delle abitazioni moderne che le si compravano 
con due milioni a stanza


Le case antiche invece te le regalavano
perchè nessuno le voleva
ricordo le case di mia nonna 
erano sempre palazzi ottocenteschi 
con scalinate enormi 
giardini con le panche di marmo consumato 
e le palme all' interno
coi terrazzi tra i tetti 
recintati con le balaustre consumate 
e piene di piante rigogliose...




e io che correvo con mia sorella
per giocare a nascondino nelle stanze 
entranti una dentro l' altra
 e nei sottoscala che mio padre
 usava come librerie
e avevo per amici una voliera di ferro bianco a griglie
piena di Colombi...




non ero una bambina felice..
anzi abbastanza immusonita e silenziosa
sempre persa nei libri
specialmente certi 
che rubavo a mio padre e che rimettevo a posto
quando lui arrivava..
sperando che non se ne accorgesse 
da Bukowski a Hemingway
ai Francesi
del primo novecento...
e poi Malaparte che era un vero eroe per me..


Ero una bambina solitaria..
così assetata di amore che
mi sentivo non amata
forse perchè mia madre, credevo...
 preferiva mia sorella, Cinzia
lei era solare allegra divertente
buffa...
e poi era sempre malata 
di una malattia molto grave...
mentre invece io 
parevo non aver bisogno 
che dell' aria per respirare...

(io a sei mesi appoggiata ad un filare d' uva)

ero nata sana
e cicciona
come una pubblicità dell' omino Michelin

e così crescevo...
di cosa avevo bisogno io???
DI NIENTE!
ma ora credo 
che fosse solo il mio carattere, la mia 
naturale ritrosia, la mia timidezza..
Ora invece le cose son diametralmente cambiate
io son diventata come mia sorella
e lei come me..
che strana la vita eh???


Via vado a lavorare
se no cosa vi faccio vedere stasera???


Eterne Primavere il Catalogo

Il Catalogo dei lavori di Pittura .http://it.blurb.com/bookstore/invited/7635850/c511b5540fe0d6869b1f465036c000fdbd144a4e per...