Visualizzazione post con etichetta Food. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Food. Mostra tutti i post

25 gennaio 2011

Vatel e la Creme Chantilly

                                        Questo amiche mie è una parte del Castello di Chantilly


E... Questo che vedete in questo quadro invece 

è Francoise Vatel




                               Che epoca il settecento!!!


               Io adoro tutti i film e le opere che lo riguardano..

Una volta, tempo fa... vidi un film con Gerard Depardieu 
uomo forse bruttissimo 
ma di un fascino che molte di voi subiranno di sicuro 
ecco io sono una di quelle...


questo è Vatel 
Interpretato da Depardieu
nel momento in cui crea la Crema Chantilly
ma Vatel era molto molto di più...
era un vero e proprio Genio...



io adoro la Crema Chantilly 
con quel sapore riesco perfino a mangiare lo Yogurt
che altrimenti aborro.
Comunque come vi dicevo... adoro il settecento 
la corte Francese e quel Genio di Vatel 
Dire cuoco..di lui  è estremamente riduttivo...


                     I film, è risaputo, falsano la realtà nel 90% dei casi. 
                                   Spesso possono anche infastidirci. 
                    Questo film, ambientato nella Francia del Re Sole, 
                              non fà eccezione. Però ne consiglio la visione.
                                Il film narra di un personaggio storico 
                          vissuto realmente : François Vatel ( 1613-1671), 
                                      creatore della crema Chantilly. 
                                 Nel film il protagonista è interpretato 
                              da un impagabile Gerard Depardieu, 
                     La sua morte è motivata nella lettera di addio 
                         alla sua bella amante . Vatel è il fedele cuoco 

                  e organizzatore dei pranzi del principe di Condè, 

                        al Castello di Chantilly...dove per caso

                          diventa l’amante della dama di compagnia 
                   della Regina,  Anne de Montausier, che in verità 

                    è pure l' amante  o una delle amanti del Re Sole.


                                  nel film è interpretata da UMA Thurman 
                                 secondo me troppo moderna per la parte...

Dialogo tra Vatel e Anne de M., amante del Re Sole.
 F Vatel: Madame… madame… madame per piacere… 
Vi sentite male, madame? Fatevi preparare un infuso

con questo… vi darà ristoro!
A de Montausier: Volevo che il vento smettesse

di soffiare… L’ho fatto smettere!
 F.Vatel: Penso che sia stato Dio…
 A de Montausier: Allora forse Dio ha inviato me. 
È così importante tutto questo?
F Vatel: Non è da tutti compiacere un Re, madame!
 A de Montausier: Compiacere un Re non è diffiicile 
è di nessuna importanza...
 F Vatel: Come maestro delle cerimonie io ho il potere di salvare
 il casato del principe di Condè.
 A de Montausier: E quale sarebbe questo potere!
 F Vatel: ....Creare, stupire…



                                     Ecco svelato il personaggio... un pazzo 

                                               folle e visionario ....innamorato 

                                                    del suo lavoro fno ad 

                                                 uccidersi per aver fallito

                                            nel suo intento di stupire il re! 


nel film secondo me ben fatto 
la fotografia è magnifica e tutto sembra un quadro...
Il film è più o meno questo...

                                 Siamo in Francia nel ‘600 e il Principe di Condé, 
                                               prossimo ad ospitare il Re Sole 
                                                  nel suo castello di Chantilly, 
                                                    affida l’organizzazione 
                                         della più grande festa del secolo 
                               a Francois Vatel, devoto maestro di cerimonia 
                                        e fedele assistente di Palazzo. 
                                    Vatel, che secondo me è un genio
                                       concepirà menù elaboratissimi 
                                              e scenografie esaltanti


Ebbene Vatel passò alla storia  come 

                                           l’inventore della crema Chantilly,
nel film c'è una scena molto bella...


la crema non era sufficiente per tutti 

                                          i cuochi erano disperati
e lui en passant nelle cucine del castello 
                           butta un recipiente di panna   
dentro un vaso di crema , 
e dice ... 
et voilà la chiameremo Chantilly!!!

                                 Crema Chantilly
Ingredienti 
Panna fresca – zucchero a velo – 
vanillina – fragoline di bosco – foglie di menta 
Ricetta 
Prendere della panna e sbatterla energicamente, 
unendo dello zucchero a velo passato al setaccio. 
Quando la panna comincerà ad apparire soffice, 
aggiungere della vanillina e continuare 
la lavorazione affinché il composto 
raggiunga la giusta consistenza; 
lasciare riposare in frigo. 
Lavare accuratamente delle fragoline, 
asciugarle, adagiarle in delle coppette, 
e ricoprirle della créme chantilly. 
Guarnirla con piccole foglie di menta.


François Vatel fu al servizio 
del sovrintendente alle finanze 
                                                         del regno di Francia 
                                                                     Fouquet 
                                                    e del principe di Condé, 
                                                             e si fece notare
                                            preparando per loro banchet
                                           spettacolari e gustosissimi...

                                                                 Eppure,
                                             Vatel è passato alla storia 

                                 non solamente per la sua creatività, 
                           ma anche per il suicidio che si dette nel 1671 
                                       durante la visita di Luigi XIV 
                                       alla residenza di Chantilly. 

                                      Ecco la scena della sua morte...


                               Questo il racconto riguardante invece la vera  
                                                    cronaca dell’evento, 
                                          rielaborato da uno scritto di 
                                                 Marie de Rabutin-Chantal 
                                                    marchesa di Sévigné.
Il re Luigi arrivò il giovedì sera. 
La caccia, le lanterne, il chiaro di luna, 
lo spuntino in un luogo coperto di giunchiglie, 
tutto andò nel migliore dei modi. 
Gli ospiti si misero a tavola, 
ma poiché v’erano più commensali del previsto, 
non bastò l’arrosto per tutti, 
e ciò sconvolse Vatel che disse a più riprese:
” L’onore è perduto, 
è un affronto che non posso tollerare” .
Dopo poco rivolgendosi a Gourville asserì: 
” Mi gira la testa, non dormo da dodici notti, 
aiutatemi a impartire gli ordini” . 
Gourville gli diede tutto l’aiuto possibile, 
ma l’arrosto che era mancato, sebbene non al re, 
ritornava sempre alla mente del cuoco. 
Scese la notte, i fuochi d’artificio costati
sedicimila franchi non riuscirono, 
perchè coperti da una nuvola.
Alle quattro di mattina Vatel, 
aggirandosi nel palazzo addormentato, 
incontrò un fornitore 
con due piccoli quantitativi di pesce.
” Tutto qui? “, domandò. ” Sissignore –
rispose l’altro.
Passò del tempo e, non vedendo
arrivare i rifornimenti di pesce 
ordinati da tutti i porti,
Vatel iniziò a disperarsi.
Al culmine della sua agitazione
incontrò Gourville al quale farfugliò prostrato:
” Temo signore, di non sopravvivere a questo affronto. 
Ne va del mio onore e della mia reputazione ” . 
Gourville non diede importanza a queste parole, 
ma l’altro salì in camera sua, 
appoggiò la spada alla porta e si trapassò il petto. 
Proprio mentre Vatel cadeva privo di vita, 
cominciarono ad arrivare cesti di pesce in abbondanza..






Povero Vatel passato alla storia per una crema quando 
tutto quello chìera riuscito a creare 
si è dissolto come il ghiaccio delle sue sculture... 
e oggi ciascuno è capace...anche  un "semplice" 
sceneggiatore di Hollywood
o un buon computer 
di riprodurre le sue idee e addirittura migliorarle!!!!
Non c'è pù l' ARTE
e qui devo riproporre il mio motto ...
che ho mutuato da un racconto di Milan Kundera...
Siamo alla Mezzanotte dell' Arte...dice lo scrittore
naturalizzato francese

MA DOV'E'  L' AVANTI SE NON C'E'  PIU' STRADA ?

La vostra Marzia Sofia