31 marzo 2013

La pasqua e mia nonna....



Quanti giorni il Tempo ci porta via 
quanta vita ci trascina
fuori dalle nostre stanze...


quanti giorni festosi
quanti momenti tristi
quanta storia
quanto dolore
quanto amore.....


e cosa resta di noi ogni volta che le ore cambiano 
ogni volta che il tempo,
sorride o piange o corre via inesorabile,
ogni volta che qualcuno ci lascia...
Passa a volte in fretta , troppo,
oppure non passa mai...
 nell' attesa di qualcosa che amiamo
e che forse non verrà
mai....


I simboli si fanno ogni giorno più inutili
la passione il rimpianto l' odio il rimorso
la vita l' amore 
tutti... fanno parte del Tempo
ed è con alcune persone
più di altre che
a volte partono pezzi di noi 
che non abbiamo fatto in tempo a
conservare...


siamo spesso soli con la nostra anima,
 e allora ci pare che tutto quanto sia
inutile
ma dobbiamo andare.... non fermarci
far si che il tempo non passi significa già
 che sta passando...

Ricordo, ad un tratto
 le Pasque con mia nonna
che mi costringeva a mangiare
l' uovo sodo
che lei aveva messo in un cestino
e lo aveva portato in chiesa a farlo benedire



odiavo quell' uovo sodo
io lo mangiavo al massimo a omelette 
a frittatina come diceva lei lo odiavo sodo
e quello spicchio di uovo
mi pareva orribile
facevo smorfie mi nascondevo non lo volevo quell' uovo...
e dovevo litigare con lei
che era la persona che amavo di più al mondo


ma poi..... le andavo li vicino
quando la vedevo imbronciata 
che non sopportavo che lei non mi sorridesse...
e le facevo il solletico al collo
sotto la sua sciarpetta di seta
tra la collanina col cammeo e le pieghe delle rughe
quasi sul suo seno pieno, intonso....
bello come quello di una ragazza, anche ad ottantanni
e lei allora.... rideva rideva rideva...


si schermiva e mi diceva
OVVIEN VIAAAAun fà la grullaaa
che tu mi fa perder tempo!!!!
Come lo vorrei ancora quel tempo
Nonnina mia
come lo rivorrei adesso


in questa Pasqua
 in cui non so più che nè cosa dire 
nè cosa fare....
con la tua stessa età d' allora
quella di
quando io ero piccola e tu mi pareva vecchia....
e non ho nemmeno
una nipotina che mi ama quanto io amavo te
ora non si usa più fare i figli da giovani
e io ti amavo davvero e ti amo...
senza tempo!


Buona Pasqua Nonnina mia
con te solo lo era...
una vera... buona... Pasqua
da allora sono cresciuti i nipoti
i tuoi nipoti.... e sapessi
quanti sono i tuoi bisnipoti adesso...
Da me e dalla Cinzia ne hai solo uno
per ciascuna
ma La Betty ne ha due
la Cris ne ha altri due
Nicola ne ha addirittura quattro
te lo ricordi Nonna il tuo Nicolino 
oggi ne ha quattro...

eh ne è passato di Tempo Nonnina
avresti 102 anni 
e te la ricordi la tua amica Vienna lei ne compie cento
tra poco
potresti essere ancora qui
se il Tempo non fosse passato
se non avesse corso troppo....
Ma nel mo cuore ci sei sempre
Nonnina mia




solo che non è più tanto Pasqua....
 se non penso a te
accidenti al Tempo!!!!

A tutti voi
un bacio
e....che vi devo dire stamani va così...
La vostra Marzia Sofia

30 marzo 2013

Come fu che cominciarono a chiamarmi la Regina...


Il segreto del successo
mi chiedeva la giornalista
credere in se stessi e in quello che sì fa
pare che io abbia risposto...
a volte dico delle gran cazzate
eheheh
quante volte ho avuto dei gran dubbi!!!!




eppure ....
 se c'è una insicura al mondo quella sono io
nemmeno il colore dei miei occhi è sempre lo stesso
ma la vera storia della Regina è proprio questa..
nasce dal mio essere sempre scontenta
dal mio insistere a trovare la mia perfezione 
perchè io mi butto giù spesso
ma se tentano di buttarmici gli altri 
alzo la testa e combatto come una leonessa
Quello che amo mi perseguita
è parte di me delle mie giornate
diventa ossessione...




se mi chiedete
sapevi di essere quella che sei diventata
io rispondo si
l' ho sempre saputo
magari in un altro campo
ma sentivo di avere delle qualità
e questo l' ho sempre saputo
non ho mai saputo di essere la migliore 
ma sentivo che per certe cose ero molto in alto
così come sapevo che in certe altre ero sottoterra
significa che avevo consapevolezza di me...
ma dentro di me mi chiedevo
che cos'è, che fa la differenza??
c'è qualcosa 
che lo definisce?
è il giudizio degli altri
o una forma improvvisa di concretezza
 che ti appare come una
folgorazione divina??
Beh non saprei
so solo che fin da piccola
ho sentito alcune spinte..
e da quelle mi son fatta guidare...
ad ogni costo 
anche mentre tutti se ne allontanavano impauriti 
e mi abbandonavano.....io
combattevo anche contro la ragione a volte.


a volte mi domando se quello che faccio è da definirsi bello
e nemmeno quando ne ho la riprova esterna ne son certa
chiaro mi dico qua siamo in una cerchia ristretta
ma al di fuori....
quanti sarebbero pronti a giurare che io sono
quello che altri credano io sia?
Da piccola mia madre diceva eh si lei ll'è un artista
per questo llè grulla da manicomio
ero strana??
Boh non lo so se ero strana
ero diversa questo si...


io non mi vedo mai con gli occhi degli altri 
nessuno di noi ci riesce
per cui quando la giornalista mi disse
vedendo una mia foto
mio dio maaaa
 SEI SICURA DI AVERE GLI ANNI CHE DICI?
si risi io
e lei rispose
ma sei bellissima
(era una foto fortunata)
sembri una Regina sul trono
beh da allora ci voglio anche un pò credere
che qualcuno mi ci veda perchè no???
Tanto mi sono accorta che dire sempre di no 
pare falsa modestia 
dire di esserlo crea invidie e gelosie
Io sto zitta 
a me che me ne frega se qualcuno ride???
Ci vogliono gli anni ragazzi
solo con gli anni si diventa quello che si è nel 
bene e nel male
e solo con gli anni si impara 
a godere dei complimenti
anche se si sa che lo sono
quello che non si impara mai
è a digerire le critiche
per quello ci vuole un esercizio continuo...
e io ci provo
dite di no????

La vostra Marzia Sofia 
auguri a tutti

27 marzo 2013

Prima e dopo straordinari...


Non so cosa si possa pensare dal di fuori
 vedendo un oggetto così
nella vetrina di un bar ristorante
che vedevi da sempre
e che non hai mai osservato
ma, la decine di persone che di passaggio 
erano abituati a vedere un cupo PUB in stile irlandese
lì  da circa trent' anni
si meravigliano alquanto
passando adesso
per la spaziosità delle vetrine la leggerezza delle tende
e la luminosità dell' ambiente...


se ricordate qua avevamo piazzato un bel tavolo e l' ambiente era bellissimo
ma l' altro ieri...
è accaduto che cercassimo in un mercatino delle sedie e
immaginate
 come ci siamo meravigliati io e mio Figlio
nonchè la sua ragazza, che era con noi
quando
su di un camioncino di traslochi
abbiamo visto spuntare
questo divano
non glielo abbiamo neanche fatto scaricare...


 Abbiamo chiamato la committenza la quale ci ha detto
come al solito fate come volete
e noi lo abbiamo subito prenotato per ieri mattina...
la cosa che ci ha fatto decidere è stata che
il divano non era di stoffa
capitonnè ma di pelle
e noi abbiamo già dipinto molte cose in pelle...
Eh
ormai ce ne sono molti in svendita
la gente non sa di che farsene di questo colore
che ha visto per anni
i nonni che li possiedono muoiono
e i giovani se ne liberano preferendo loro
un moderno e spazioso divano
di che ne so io che 
marca da Ferilli....

o al massimo nella migliore delle ipotesi
vanno da Maison du Monde,
che qui di fronte a casa mia 
ha appena aperto i battenti
con chilometriche e reiterate file
di cassaintegrati esodati e che ne so io 
che improvvisamente alzatisi come per miracol mostrare,
dai loro divani di dolore
luoghi deputati
alla sofferenza anticrisi...
e come stranamente
rinati
si sono riversati
ad acquistare ogni genere di piccolezza


inutile piccolezza....
 che metteranno nelle loro cucine ultramoderne
comprate a rate e 
disgraziatamente non più moderne
ma da rimodernare
con gusto francamente per me
delirante...


Insomma
un divano così
si compra ormai
per il costo di una sedia da Maison du Monde
una sedia bella lucida e perfetta
sulla quale dopo ventiquattrore
ci sarà già una falla nel legno
per la diversa umidità
ma che sarà perfetta, credono loro, per lungo  tempo...


questo divano è stato dipinto da me e Ty 
in un intera giornata di lavoro
duro premetto 
durissimo....
con pittura acrylica da pavimenti
grigia e bianca
e poi è stato patinato a cera!!!
Attenti
esattamente come il pavimento
a voi troppo precisi non lo consiglio
a voi che pensate che lo Shabby sia bianco e perfettamente grattatino ad arte
NON LO CONSIGLIO!
eheheh
PS faccio per evitare
code di richieste in posta 
da persone che non mi commentano mai 
ma chiedono  di tutto


questo divano si sciuperà
come tutto il resto....molto presto
 come anche il pavimento
più velocemente delle altre cose,
ma avrà una differenza
non lo si noterà
e ci piacerà sempre di più...
poichè è stato fatto col criterio che
Sciupato è bello
e sarà e resterà per sempre così
sciupato ad arte

Vedete com'è semplice??
Buona giornata a tutti
e credo che lo sarà se lo vogliamo veramente....

La vostra Marzia Sofia

26 marzo 2013

I particolari che fanno la differenza



A volte uno i particolari li nota


io per esempio sono una molto attenta ai particolari delle persone


forse nelle cose amo molto più l' insieme


che ad ogni buon conto è fatto di particolari
mischiati bene insieme


i grandi fotografi d' interni riescono a catturare foto 
capolavoro
solo da un particolare


io invece preferisco un insieme di particolari


si sa che io fotografo come dipingo...d' istinto





eppure ieri
ho scattato 121 foto
del mio ultimo lavoro


senza arte ne parte di fotografia

senza cavalletto
con una luce stupenda secondo me


come quella che vi è nella mia camera
 grazie a delle tende simili

e giuro non sapevo quale scegliere
alcune non le ho nemmeno ritagliate

le ho solo passate
attraverso Picasa e ho usato l' opzione vignette
con alone bianco


questo è il risultato
di 121
foto ne amo una più di un altra 
e nemmeno saprei vederci dei particolari stonati
Mentre invece i particolari stonati
li vedo spesso nelle persone
e mi chiedo
com'è possibile???
perchè le persone cambiano così, 
d' un tratto???
Mah... vado a lavorare e a riflettere
Baci a tutte voi che mi seguite siete poche ma BUONE
La vostra Marzia Sofia




23 marzo 2013

Lo Shabby Chic Lounge...


Amici mi avevate lasciato nel Mondo Gustaviano
 e 
ora eccoci già qua
tornati nello Shabby
Se mi seguite su Fb
avrete già visto molte foto
di questo mio ultimo Lavoro
la trasformazione completa di un Pub
in ristorante e bar
a Marina di Carrara


Il lavoro in realtà è di mio figlio
io ho dato idee e suggerimenti sui colori
e le patine e ho decorato
le parti artistiche,
in realtà
circa venti persone
hanno partecipato
tanto che diciamo per arrivare fino qui son bastati
anche se non del tutto
15 giorni...


per i miei standard anche troppi
quando lavoro con un team più ristretto impiego meno
si signori sono una dittatrice
travestita da Insicura.
mi spiego meglio...


io son certa di riuscire 
sempre meglio di chiunque altro nella direzione dei lavori
ecco, il problema e sono una sfondastomaco come si dice in Toscana
così Ty è stato bravo per certe cose
migliore di quanto avrei fatto io,
ma alla fine gli uomini sono troppo camerateschi tra loro
e infine perdono tempo.
Non dico
che non abbiano lavorato...



assolutamente
anzi tutto il contrario
ma io avrei fatto diversamente
se mi avessero seguito!!!
Ecco perchè  vi dico
sarei una dittatrice, se riuscissi ad essere
autoritaria
beh col tempo almeno autorevole lo sono diventata
il che è un gran traguardo
per me credetemi son nata timida come una lucertola,
ma qui, per dirigere
una folla di pazzi allucinati che gridavano di qua e di là
ci voleva un polso e una sicurezza che non ho.
Ci ha pensato TY
con la sua calma vigorosa ehhehe


diciamo che hanno ascoltato quasi tutto 
quello che avevo loro consigliato
ma in particolare certe cose
son state fatte in maniera che 
io non avrei MAI e dico mai fatte



questo angolo per esempio 
mi è stato lasciato fare come volevo io 
esattamente
ma altre cose che io avrei lasciato
assolutamente
son state addirittura
sradicate e buttate


ecco com'era il prima
e ora vedete il dopo...
riuscite a vedere nell' angolo, dietro la porta con ingresso
salvafreddo?
Ecco non solo è stata buttata giù la porta interna 
che io non avrei mai e dico mai buttata giù
ma è stato
anche fatto un carico di immondizia di quei divanetti da muro
che sarebbero stati perfetti rivestiti a righine grige e bianche
e shabbati e patinati
con aggiunta dei miei tralci Gustaviani



non dico che ora non sia più spazioso e bello
ma mancano sedute ed ora non possiamo recuperarle
facilmente
se non ricostruendole cosa che sto cercando loro di far fare
e ancora non lo sanno...ehhe


eccomi qua soddisfatta di questo angolo
ma con il tarlo infinito
di aver voluto fare in un altro modo
sono ripetitiva e noiosa quando insisto
ah quando penso come sarebbe stato 
se non avessimo buttato quei divani...
e sopratutto una parete boiserie con libreria 
e cornici a colonne...



il bancone pure mi è stato lasciato 
completamente trasformare
esattamente come lo volevo e loro si sono fidati 
di tutto quando di artistico io proponevo
la cllassica carta bianca insomma 
l' ho dipinto con l' aiuto di Ty che me lo ha preparato
e che poi ha invecchiato le parti più alte 
e per me irraggiungibili


così come questa parete che trovo bellissima
ma che ancora deve essere 
sistemata a dovere...
e credo che farò ancora dei cambiamenti..


ho ancora moltissime foto da farvi vedere
e d' altra parte anche se abbiamo già inaugurato
ci sono molti particolari da completare



tanti particolari da ritoccare 
e piano piano in altri post ve li mostrerò
col prima e dopo che vi piace tanto


qui intanto sulla scala vedete il mio " PICCOLO"
che sta attaccando l' insegna esterna
lo sapete come si chiama il bar ristorante?
Ma è chiaro
Shabby Chic Lounge
Ty dice che lo ha messo in onore mio...
Grazie amore mio di esserci
comunque
sempre!!!

Alla prossima puntata
nella quale
 ve ne mostrerò ancora molte foto...
e come sempre ve ne racconterò la storia del prima e del dopo
la vostra Marzia Sofia

ah non dimenticate
a Marina di Carrara
Shabby Chic Lounge
via Muttini 7
alla fine di Via Cavallotti a due passi  
DALLA PASSEGGIATA A MARE
dalla Fiera del Marmo
 e dal porto di Carrara
dal 2 di Aprile 
aperto anche a pranzo con una cucina sfiziosa e 
un ambiente adatto per signore sole o in compagnia di amiche
vi aspettiamo...

Essere o non essere diversi questo è il problema.

 A me non piace mai, essere come gli altri,  ma a molti di voi piacerebbe essere come me... Una cosa bruttissima da dire  ma è un ...