Visualizzazione post con etichetta PsicoTutorial. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta PsicoTutorial. Mostra tutti i post

31 agosto 2013

Una buona...pennellata...


ormai ci sono moltissime creative 
come si usa chiamarle oggi 
(che la parola artista è veramente straabusata )
che si cimentano in lavori di trasformazione...


ogni giorno vedo su FB 
mari di trasformazioni di ogni genere
alcune sono brave altre meno.. ma
si capisce che tutte sono soddisfatte
e ci mostrano orgogliose il loro lavoro
io che sono bastian contraria di natura
sento una sorta di rigetto
che forse è solo la mia innata incapacità 
di competere, pare una gara
il pennello è come un attributo maschile...
non faremo anche noi a chi ce l' ha più duro???
Il pennello...si intende


io penso molto e siccome so 
di fare questa specie di mestiere
 della trasformazione 
da molto tempo
come dico sempre ho cominciato
nel 96 dello scorso secolo
quando purtroppo mia nonna venne a mancare...
mi rendo conto di una cosa
tutto è massificato
se piace esplode...


La mia storia è diversa di ricerca non di imitazione..
avevo ereditato molti vecchi mobili in stile 
e non avevo assolutamente la possibilità
di comprarne di veri vintage francesi o Gustaviani
così decisi con l' aiuto di mio zio
bravissimo pittore e decoratore
di iniziare a valutare una tecnica 
di invecchiamento ad arte


prova che ti riprova
per la verità allora era il mio compagno 
che si sobbarcava la parte più fastidiosa
mi misi in testa di provare...a rendere antico
 o almeno simile all' antico quello che non lo era...
e negli anni 
LE PROVE DICONO CHE CI SONO AMPIAMENTE RIUSCITA 
TANTO CHE FORSE LI RENDEVO TANTO ANTICHI 
CHE NON STAVANO DA NESSUNA PARTE 
Nè COI NUOVI Nè CON GLI ANTICHI...



da allora ho lavorato tantissimo
come sanno quelli che mi seguono
e come dice mio figlio spesso
ci credano megalomani
perchè raccontiamo e mostriamo tutto
 il lungo cammino da allora 
che ci ha portato qua a sembrare
quasi un autorità in materia
ebbene però...c'è da dire una cosa...


a volte si mette da parte tutto il sapere
e si fanno cose semplici veloci di effetto
cose che alla fine sono sempre più massificate
e sempre più simili
perchè la novità
è difficile da far digerire e la massa spesso decide
quello che va di moda e quello che no...


così quando hai già stabilito
una cifra che già ti pare al limite della sopravvivenza...
(se qualcuno dello stato
viene a dirmi qualcosa lo sbrano!!)
 poi... quando tu hai finito...
qualcuno ti dica: sai c' avrei ancora un 
TAVOLINO
e allora tu storci gli occhi
pieghi la bocca il sorriso ti si spegne un pò ma poi che fai???
fai come tutti...
prendi il tavolone e lo imbianchi...
punto e basta..


Allora chiappi il pennello e gli dai una pennellata...
come pensano comunque che tu faccia..
perchè dopo anni ed anni di esperienza 
pittureresti di bianco anche un fantasma...
e che ce vò???
Na pennellata!!!
e fai quello che potrebbero fare anche da se...
Meno male che ormai ci sono i colori che aiutano..
o almeno stanno arrivando...

e questo colore è micidiale... 
non vedo l' ora di potervi dire cos'è
non vi darà la mia pennellata sia chiaro...
 quella sarà comunque la vostra
pensate che mio figlio che è bravissimo, più di me nella precisione
ne ha fatti un pò e poi la signora ha voluto che li ritoccassi tutti...
perchè signori miei.....
non so come mai ma...
NONOSTANTE TUTTO LA MIA PENNELLATA SI VEDE ...
ECCOME SE SI VEDE!!!
BUONA PENNELLATA A TUTTI...

la vostra Marzia Sofia

11 aprile 2013

I dieci comandamenti ...per la nascita di uno stile.


Tutorial
 su cosa ci vuole, cosa vi serve...
per inventare uno stile...

Le dieci regole
ma potrei trovarne anche di più
per
essere 
unici e venir copiati.

Primo: 
devi essere impossibilitata a fare altro...
tipo tutto quello che fai, si somiglia 
ed è allo stesso tempo ogni volta diverso
ti svegli la mattina e ce l' hai in testa 
e non riesci a dimenticare quella certa sfumatura
quel certo colore..





                                                             Secondo: 
                              avere ben chiaro che bisogna sopportarne di ogni
                                    ascoltarne di ogni vederne di ogni...
                                      nel senso che te ne diranno di ogni...
                                      fin quando vedrai che ti osserveranno
                                                 e penseranno... però...
                                                               è facile
                                                        lo so fare anche io..
                                        ed è quello il punto in cui capirai
                                    ma ancora non lo saprai perfettamente




                                                            Terzo:
                                avere ben presente il senso di solitudine
                                                  di abbandono
                                   di timidezza e di paura di sbagliare
                                  compreso il dubbio di essere sempre
                                              dalla parte sbagliata
                                          che ti trafigge ogni momento...
                                         ma che non riesce a farti desistere...


Quarto:
pensare che tutto quello che fai 
non possa essere copiabile facilmente 
ma sperare che qualcuno sia così pazzo da provarci...
per accorgerti da te che insomma
non è affatto lo stesso
e quello che fai tu
è decisamente migliore...


Quinto:
guardarsi intorno
ma vedere solo coi propri occhi
 seguire il proprio istinto sempre 
non essere mai sicuro di niente
ma in realtà esserlo sempre
chiedersi comunque dentro di se
come sia possibile
che queste cose non piacciano
e nonostante tu ti accorga 
che non stanno bene con nient' altro
vedere in loro una bellezza
che ti appare inconfutabile...
anche al confronto...


Sesto:
Intraprendere un viaggio dentro se stessi
incurante patologicamente
della testa caracollante di chi ti minimizza 
e ti fa sentire sbagliata
ti critica senza sapere 
distrugge a parole ogni tua sofferta certezza
con armi che non sai sul momento controbattere a parole
ma sai solo dimostrare coi fatti...



Settimo:
accorgersi improvvisamente che il vento sta cambiando
eppure rimanere impassibile e aspettare...
saranno gli altri
a venirti incontro...
e all' inizio neppure te ne accorgerai...


Ottavo:
Non gettare mai la spugna
nemmeno quando a fartici pensare 
sono le persone che ami
quelle che dicono 
è per il tuo bene
perché è segno evidente 
che non sanno quale sia il tuo bene...


Nono:
Sapere infine che sono gli altri stessi
che ti diranno prima o poi..
Come te non c'è nessuno
sentirlo dentro 
anche se non si ha mai il coraggio di dirlo agli altri 
dirlo a se stessi,
o tutto questo non sarà servito a niente
solo ad alimentare
sogni infranti e frustrazioni future...





Decimo:
d' un tratto saprai 
e ricorderai i momenti in cui hai avuto paura
ma il consenso di oggi non deve mai farti sentire arrivata
in realtà è sempre un cammino 
quello che dovrai fare
il cammino infinito dentro se stessi.

e ora provateci
vi sentirete forti e deboli al tempo stesso
ma,saprete una cosa
dentro di voi
Che ce l' avrete messa tutta
e questo vi farà stare bene....

La vostra Marzia Sofia