Visualizzazione post con etichetta Atelier. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Atelier. Mostra tutti i post

31 maggio 2013

Atelier, le Origini prima puntata


Quando una cosa che vuoi creare
sta solo nella tua testa,è confusa 
poi appena prendi in mano
le forze per realizzarla
pare all' inizio
facile..pare automatica
ma questo solo per te...


quelli che invece,
 ti stanno intorno hanno difficoltà
ad immaginarsela
e tu magari
non sai spiegarla
perchè non vi è disegno capace di realizzare le tue idee
nemmeno se lo hai fatto tu stesso,


Quando ho visto le mura
del mio Atelier
o meglio di quello che sarebbe diventato
il mio Atelier
ho avuto subito un moto di eccitazione
e mi son detta mio dio
ma com'è possibile ?
che esista Il perfetto luogo dei miei sogni???



Eppure esisteva e sarebbe diventato
mio
 senza che io facessi niente
di più che 
decidere come farlo
eh e vi pare poco.
Niente questioni burocratiche niente soldi
 che non mi sarei mai potuta permettermelo
niente di niente
era mio solo in cambio del mio lavoro per lo stesso.
Io già stavo a tormentarmi
sul come e quando farlo
ma non sapevo
che tutto sarebbe diventato una avventura
incredibile....
E lo immaginavo sia chiaro
ma non me ne fregava niente l' impresa valeva la "spesa"
Io dovevo restaurarlo
perchè il proprietario lo vendesse...
e nel frattempo sarebbe stato mio....


devo ringraziare la crisi?
il mercato immobiliare in ribasso
il fatto che il luogo
è di grande valore
ma di poco utilizzo?
Certo non è in prima fila sulla strada 
si trova in un interno
nell' interno di un grande palazzo
ma è mio da due anni....

Tutto questo che vedete
 non è il frutto di un progetto preciso,
ma della sua realizzazione...
mi direte come mai
eh si nella mia testa quello che è venuto fuori
è venuto solo perchè
io e il mio collaboratore ci siamo messi a farlo
e sopratutto perchè...
e questo è condicio sine qua non


lui, cosa non facile, 
ha eseguito passo passo senza mai recriminare
ne pretendere alcunchè solo
ed esclusivamente
quello che io gli chiedevo!
Certo si stupiva anche lui
del mio dire fallo male
non dipingere perfettamente
qua tira di più di là lascia che sia incompleto...
lascia intravedere la texture


Insomma perchè questo luogo magico
all' interno di un antico palazzo del centro storico
umido e abbastanza buio
nonostante gli normi finestroni 
che danno sulla corte
è diventato quello che è diventato
fotografato sui giornali in tutta Europa
 e conosciuto anche oltre oceano e sui
blog di tutto il mondo mi dicono
per il suo bagno...
grazie alla mia 
tenace volontà visionaria
e alla sua capacità
di seguire pedissequamente
i miei voleri...
Sono o non sono la Regina
beh per lui lo ero e non discuteva la mia autorità...
so che apparirò antipatica e piana di me
non importa...
questa è la verità
e io dico sempre e solo la verità...

nella mia testa lavori come questo
probabilmente...  sono dentro da decenni
forse da vite precedenti
 e insomma
non so da dove sia venuto tutto ciò
ma sicuramente
è opera "medianica"
come quasi tutto il mio lavoro...


mi è stato detto qualcosa da una cara
amica ...
riguardo alla cucina che vi ho mostrato ieri...
questo è il tuo lavoro più riuscito
io penso che
mi pare abbia scritto in un commento...
nonostante tutto
invece il mio unico vero lavoro riuscito
fatto esattamente,
si tratta di percentuali
minime, ma sovrastanti la cucina...
è Questo
Ma come è andata
 se vi va ve lo racconto con calma
Oggi all' atelier dopo due anni
arrivano cose importanti
cambiamenti
direi miglioramenti.
lo dico da molto lo so ma 
vedete com'è quando le autorizzazioni 
devono arrivare da altri e non da me??

la vostra Marzia Sofia
che corre in Atelier e così sia...


2 marzo 2013

Le parole silenziose...


Quante volte vi siete accorti 
che le parole possono contenere dei silenzi?
A volte il silenzio parla molto di più delle parole
dicono,
almeno se la persona 
con la quale stai in silenzio
è davanti ai tuoi occhi...


quando invece il silenzio
accade da lontano
può essere frainteso...
spesso accade e sconvolge
allontana distrugge


tante volte mi chiedo che cosa pensi
questo o quell' altro
perchè si sia allontanato...
o perchè sia successo
a volte lo so
qualche volta son io stessa che 
ho provocato
l' abbandono
e magari non lo so... nemmeno quanto
posso solo supporlo...


a volte stare in silenzio 
è come condannare, come
giudicare...
le parole, anche se malintese

sono almeno più consistenti
anche se illusorie


speso però la parola
è fraintendibile
oscura ingannatrice
e non si sa come leggerla 
come comprenderla
come accettarla...


Però spesso il troppo parlare
annulla le parole
e chi ti sta davanti
attiva una sorta di stand by
che appare incomprensibile...


poi ci sono quelli che fuggono
di fronte alle parole e 
reagiscono in silenzio, col silenzio..
Ah...ma se si potesse avere un solo canale..
tutti guarderemmo solo quello???
ma no....
 allora meglio la libera interpretazione
da molto spazio alla fantasia 
oltre che all' errore
ma almeno non è noiosa!!!

Buon fine settimana amici
a tutti voi...
La vostra Marzia-Sofia

21 febbraio 2013

Trasformazioni Gustaviane

Ditemi amici
l' amore per le cose
può essere uguale a quello per le persone???


quello che si fa...
è sempre quello che si vorrebbe fare??
quello che si ha
 è proprio quello che si vorrebbe avere??
 O a volte si ha solo paura?


e le cose che si fanno
riescono poi come ci se le aspetta???
i sogni che sognamo 
spesso non si trasformano in incubi dissimulati??



Dentro di me a volte dei dubbi feroci
prendono il sopravvento
credo succeda anche a voi...
e dentro di te ti chiedi
e non ne puoi fare a meno...
Cosa sarebbe successo se??


come sarebbe andata se.....
che cosa sarei adesso e dove???
come sarebbe andata a finire?
oppure come sarebbe finita???


ed è quel se.... 
che porta inevitabilmente con sé 
diverse risposte....
le quali ti saltano nella testa
come un elica impazzita
oppure....




semplicemente sedimentano,
dentro la tua corazza
quella che ti fa sorridere
 anche quando stai morendo dentro??



è il come sarebbe andata se....
se una cosa tu l' avessi voluta 
quanto la volevano gli altri
per esempio
se tu l' avessi capita
o compresa o 
compresa a fondo



senza sapere che
 il bianco e nero nelle cose
 spesso non esiste
esiste una zona grigia
una zona che pare sconosciuta
ma alla fine è la più giusta 
è quella che ti fa meglio
affrontare
le sfide che ogni giorno 
ti aspettano...
E SE LE AFFRONTI DA SOLA
o con 
UNA BELLA COMPAGNIA FORSE 
qualcosa o qualcuno
FA LA DIFFERENZA!



se non avessi lasciato 
QUELLA COSA O QUEL QUALCUNO... 
quella frase o quel momento
o quella storia


se avessi finito tutto
e se una volta finito lo avessi
cambiato FINALMENTE
con una nuova avventura
se non fossi rimasta ancorata alla VECCHIA
lA VECCHIA barca nel porto DELLA VITA
QUELLA CHE APPARE, SICURA 
MA CHE PRESENTA FALLE
USURE CONTUSIONI
ma avessi scelto un motoscafo veloce
seppure diverso da tutti i miei itinerari
da tutti i miei porticcioli
ignoto eppure conosciuto...





se avessi compreso 
la portata effettiva del sorriso 
che certe cose o persone.... ti procurano
quelle persone nelle quali tu nemmeno credi
 e che forse dentro di se
inopinatamente 
portano il germe della tua vita futura 
quella che nemmeno osi immaginare 
o sognare
quella che nemmeno puoi pensare 
che ti spetti...
e invece forse è proprio così.....
Osare...è quello che ci manca a volte????


eppure è così
e tu nemmeno te lo vuoi sentir dire
e una telefonata improvvisa 
però......
ti fa riflettere sulla tua cecità
forse sulla tua ottusaggine
sulla tua scontata 
autodistruttività
sulla tua paura...



Averti addosso
 come una camicia come un cappotto 
essere insieme volersi beeenee
canta una bellissima canzone di Gino Paoli
chi sa perchè mi è venuta in mente....
e poi Quando ti ho visto ARRIVAREEEEEE
AVEVO CAPITO SUBITO????


a volte non si dovrebbe pensare troppo
ed è il mio difetto LO SO....
Pensando troppo
sciupo tutto?????

Avete visto la realizzazione del mio Atelier 
ne son già passati di mesi da allora
quasi ventiquattro
due anni...
che bel ricordo ne ho
che bel ricordo....
la vostra Marzia Sofia