5 aprile 2012

La storia del mio lavoro..... terza puntata.





Mi vedete ? Io sono lì, sulla porta,
 a destra in basso nella foto
Guardo il fotografo 
pericolosamente issato sul muretto di recinsione della corte
lo guardo seria...con aria scettica...
E' la corte del Negozio che abbiamo aperto da pochi mesi
Siamo nel 1993
ed io ho poco più di trentanni e apparentemente,
 la vita mi sorride...
Vivo all' estero da qualche anno...
con mio figlio e il mio compagno...siamo molto uniti
non ci lasciamo mai..il nostro amore non ha tentennamenti.
Io non mi sono affatto pentita di aver preso mio figlio 
che aveva allora poco più di due anni
ed essermene andata per seguire l' Amore.
Il fatto che abbia lasciato mio marito 
che ora è il mio migliore amico, e la mia famiglia
è un problema in qualche modo risolto.
Viaggiamo molto e ogni mese andiamo in Italia per gli acquisti...
sicchè, sopravvivo diciamo stoicamente 
alla mancanza dei miei parenti ..
In fondo anche quando vivevo in Italia
non è che fossi proprio dietro l' angolo...
vivevo a 120 Km da loro  comunque...
e poi non è che allora io mi capissi molto con mia madre
lei ha sempre sognato per me 
quello che io non ero stata capace di realizzare per lei,
e questo era diventato il mio fallimento!
Io invece ero felice...  molto felice...
anche se da questa foto non si direbbe...
ma è proprio il fatto che la mia felicità fosse in pericolo,
 che mi faceva star male...




Sto guardando l' uomo su in alto...
lo prego di scendere ....non mi piace che stia la sopra ...
ho la fronte corrugata e lo prego Bitte Bitte komm runter..
vieni giù...
Lui è il mio tutto...senza di lui non esco nemmeno di casa ...
è la mia Guardia del corpo...
la mia unica sicurezza..tremo per lui...
Le mie mani., le mie orecchie..la mia lingua.
Il fatto che io lo ami così tanto, e lui ami così tanto me,
ha fatto piuttosto incazzare le Cassandre di turno
quelle che si aspettavano, anzi lo desideravano 
che tutta questa mia follia d' amore finisse presto...
Ma non finisce niente..
noi siamo ancora innamorati felici complici...
nonostante le differenze e le difficoltà permangano 
noi non vacilliamo di un attimo sulla nostra 
GRANDE SICUREZZA noi ci amiamo davvero.
Non è stata solo la passione di un Estate...
noi resteremo insieme per sempre!
Quanto il sempre abbia un delicato equilibrio
 lo scopriremo solo poi....


Il Fotografo però resta su...e ride...sul muretto,
compiaciuto e fiero scatta e scatta...una foto dopo l' altra...
fotografa il nostro lavoro, e ne è straordinariamente soddisfatto.
Abbiamo appena,sistemato tutto, dopo aver  scaricato un 
intero Tir  carico di merce proveniente dall' Italia 
e io dal Kaos ho fatto Ordnung!
come mi scrive un amica in una lettera...
Ho diretto e disposto una mezza dozzina di persone 
che hanno sistemato tutto al punto giusto.... 
io non so come  ho sempre tutto nella testa
e loro in silenzio   fidandosi mi obbediscono...

Come d' incanto tutto ora è sistemato...
Nessuno si aspetta  vedendo quella vetrina in alto sulla strada
che sotto quella facciata apparentemente anonima 
si celi tutto questo ...e questo forse è il problema...



Io e Ty continuiamo a preoccuparci per lui...
ma è così orgoglioso e sicuro del lavoro fatto, 
che continua a ridere e a farci paura....
resta su ...e fotografa ancora, ogni angolo...
Ty fa un capriccio e per la prima volta dice:
 Papaapaaa... Papa.... Bitteee..komm runter!!!
lo implora...e questa è la parola magica..
non lo aveva mai chiamato Papa....
e in tedesco si dice proprio così senza l' accento.
Non lo aveva mai fatto prima di questo momento....
Con Ty le cose non sono facili...non lo sono mai state
io e lui non abbiamo mai tempo per noi da soli...
il bimbo è possessivo.... deciso forte ...vuole entrambi...a tutti i costi 
ci pretende siamo SUOI , ma non vuole che noi abbiamo noi...
Ha passato dei momenti difficili...solo, con me, in una Terra straniera 
all' inizio è stata dura..per entrambi
io non l' ho mai abbandonato, 
ma di fatto, sono praticamente la sua schiava..
Non mi molla nemmeno un attimo 
Lui dice che Nomen est Omen
Tyron  uguale Tyran... in tedesco son quasi lo stesso 
e Ty, è un vero tiranno con poteri incalcolabili su di me...
che sopravvivo intrisa di sensi di colpa ubriacanti.
Devo togliergli le scarpe quando dorme 
perchè dice, che se è senza scarpe 
come fa a rincorrermi se me ne vado ?

Lo vedete? Ty che lo prega di scendere
protendendo le braccine in questa foto...e nell' altra 
è sulla scala là, in fondo a testa rivolta  verso l' alto..
io lo sto fotografando da lontano e il suo Papa dall' alto...pure.
Casi fortuiti...destini incrociati ...ricordi indelebili...
le foto sono istanti di luce fermati per l' eternità
la porta che vedete è quella d' ingresso sulla corte 
e noi tre siamo qua, immersi nella nostra ultima fatica...
Consapevoli che si tratta di un rischio..
quello che si dovrebbe vedere subito, si vede per ultimo..
La vetrina, dimezzata dall' assurda divisione,
 non lascia supporre che sotto ci sia tutto questo...
Quando abbiamo visto il locale, 
io, pur desiderando aprire in questa via...ho detto 
ma...non so  ci sono le scale... la facciata è piccola e divisa
e... la corte giardino è sul retro 
vendiamo cose da giardino...si dovrebbero vedere subito..o no???
Lui mi ha risposto solo:
Tutto pane per la tua creatività...oder nicht???
e io ho accettato la sfida...
Ma... i costi son stati alti..per le nostre finanze
solo la ringhiera delle scale ... è costata migliaia di marchi .
e poi ci è voluto anche un carrello dentellato
 per trascinare le statue sulle scale  
e l' affitto ogni mese è raddoppiato ...rispetto al precedente...
e poi...c'è questa tizia accanto ...che improvvisamente
ha buttato I VESTITI alle ortiche 
e senza avvertire il proprietario del cambio di merce
cosa che in Germania non si può fare.
Si è messa a farci concorrenza sleale
facendo credere alla clientela,
 che è parte integrante del nostro locale 
e siamo noi stessi che
da quella parte vendiamo a prezzi ridotti..
PREISHAMMER ha chiamato il tutto
Martellaprezzi ...io una martellata la darei volentieri a lei....
quando scende dalla Porsche fiammante...
ma per educazione mi riguardo...detesto il sangue...

In Germania  non esisteva nessuna regola 
per l' apertura di un attività allora,
non so come sia adesso...ma allora non vi era nessuna regola 
Nella massima libertà chiunque può aprire un negozio
 con poche centinaia di DM e tanta follia...
non è successo forse anche a noi???
La bionda patinata 
con la borsetta di Hermes anch'essa bionda cenere 
il completino Chanel col foulard di Versace e le scarpe di Ferragamo
posata la Porsche nera fiammante...
e abbandonata l' idea della Boutique di Lusso
si è messa a vendere piatti bicchieri coltelli e forchette 
stauette di plastica e quadrettini cinesi...
e ha scritto sul negozio..Martella Prezzi...roba da matti...
PREISHAMMER....



Comunque noi continuaiamo a lavorare a pieno ritmo
abbiamo da inaugurare la nostra Corte dei Miracoli
e lo facciamo al meglio... vi si accede da qua
vedete? quello sul lato sinistro è lo studio 
e la porta conduce direttamente in mezzo a quello che 
per ogni tedesco è un vero Paradiso Italiano...
ehehe io che ricordo mia nonna aveva il vizio di dipingere tutta la terracotta di rosso
poichè le pareva che nel suo colore naturale non fosse bella...
sono stupita dal successo che ha da loro...
ah..ma io di quello io non mi occupo...ci pensa Lui. 
Io penso al resto al bello, mica ai soldi...e in questo non sono mai cambiata.


Ho appena fatto un ordine da Grifoni il re dello stile che adoro...
( ricordatevi che siamo in piena Era Versace)
e il negozio sfavilla di magnificienza!!!
Pare davvero una Reggia ...per quello rido di quello che vedo oggi
la massima parte di voi ritiene tale. 
Per me il lusso è ben altro ma riconosco che la mia mano è un pò così
portata all' eccellenza ...anche se non all' eccesso...
perchè sfido chiunque a dire che questo sia un gusto pacchiano...




ma continuiamo con la storia....
Il fotografo è sceso e continua a riprendere le immagini 
che io ho sfumato come fosse stato il tempo o il ricordo
 ma che sarebbero vivide...durature nel tempo
io le ho rese un sogno perchè tale mi pare adesso  a distanza di ventanni....
Un sogno...ad occhi socchiusi...


La vetrina continua comunque a meravigliare chiunque passi
e la gente non si lascia intimorire 
dal fatto che deve percorrere almeno 100 metri 
di negozio compreso le scale
per andare a scovare la sua Piccola Italia, 
ci si tuffa con grande meraviglia in quest' oasi di colore
immerso e seminascosto
nel grigio perenne..e un pò malinconico
(unico neo ..o quasi ...)
di questa stupenda città !


La signora del negozio accanto non sorride più ... non saluta...
e sta sulla porta con un aria tra lo sconfitto e il vendicativo...
io cerco di avvicinarmi a lei e non capisco perchè
mi respinge con freddezza e scortesia...
di solito i tedeschi subiscono il mio fascino Italiano...
ma non lei...lei è scontrosa scortese distante
scende dalla sua Porsche nera e si chiude dentro
per riuscirne solo a sera...


Io amo sistemare tutto come fosse il giardino all' italiana di un palazzo..
certo non ho le potenzialità per farlo 
si tratta solo di una misera corte..
ma si sa io sono MACA adesso... figuriamoci allora...
piena di spirito e buona volontà com'ero 
oltre che sospinta dalla gioventù 
e da una forza e una tenacia inenarrabili...
facevo dei veri capolavori di Magia...



Una cosa sola non facevo ..io non vendevo...
ahhhhh noooo non era mica cosa da me quella cosa
per quello avevamo due commesse...
e poi c'era Lui che in realtà , ne sapeva meno di me
ma io ero timida...mezza sorda...
il mio tedesco era buono anzi ottimo...
ma se qualcuno parlava troppo piano???
Entrambi ci ritenevamo la parte artistica 
in fondo davvero lui era un creativo un regista Teatrale...
mica un ragioniere
ah e poi io non mi occupavo delle piante
eh le piante no...non posso mica avere anche il pollice verde eh???
Insomma ero una bambina, immatura e pretenziosa...
Una che buttava lì un capolavoro 
e poi si nascondeva dietro la tenda per vedere se piaceva o no...
aspettava le reazioni e poi alla fine, 
nemmeno era interessata agli applausi...



Intanto le riviste si accorgevano di noi
questo che vedete sotto è un articolo di Elle Decor
la versione Tedesca di Elle decoration
che ci aveva dedicato un bellissimo servizio....

La giornalista chiedeva a Lui
quale fosse stato il primo e miglior Import che avesse fatto dall'Italia
e lui rispondeva ridendo: Marzia ...Naturalmente!!!!
e l' articolo iniziava dicendo 
Dietro una quasi invisibile facciata del Viale..etc etc 
si nasconde un vero Paradiso per gli amanti dell' Italia...




Quando inaugurammo la corte
la festa fu veramente straordinaria.
Attraverso e anche grazie, alle mie conoscenze 
all' interno del Consolato Italiano..
 dove andavo spesso a prender parte a varie iniziative...
(tipo ascoltare Sermonti leggere la Divina )
o partecipare  in Location Alberghi di super Lusso sulle rive dell' Alster 
a manifestazioni e cene di ogni tipo...
riuscivo sempre non so come,
(io sola donna di poco più di trentanni immersa tra le cariatidi
miliardarie degli imprenditori Italo Tedeschi)
 ad avere sempre il Console per le mie feste.
In realtà noi non avevamo un soldo
ma tutti mi credevano chissà chi, e mi riempivano di tutto...
Potenza della mia immagine e del mio carattere 
che ancora non avevo imparato a conoscere bene....
ero ricercata ovunque... 
e io che pensavo di essere la Cenerentola al ballo..
apparivo come la Regina delle Fate..



Certo lo scenario aiutava
ma ancora non sapevo che lo scenario 
era solo dentro le sue mani e nella mia testa...
pensavo che tutto dovesse crescere all' infinito 
e non mi rendevo mica conto del fatto che le cose
hanno un limite naturale...
oltre il quale non si può andare...


Io che in realtà ero timidissima e anche un pò 
pigra e svogliata nonostante questo paia un ossimoro..
mi divertivo a preparare tutto quanto 
con la follia di chi sa che alla fine tutto è effimero
e credevo con la positività dei folli 
la purezza degli onesti, la tenacia dei visionari
 che per noi tutto questo non dovesse mai finire....
Mandavo biglietti aerei ai miei (e allora non c'era la Ryan air)
e loro venivano a stare da me per dei periodi ...da noi...
quasi sempre ...quando vi erano delle feste...
per questo Ty cresceva perfettamente bilingue
(parlava  il Tedesco e il Toscano...)



Questa che vedete era la Festa d' Estate
quindi era un ventun giugno freddo e grigio
la pioggerella batteva finissima fin dai preparativi...
ma eravamo certi che le cento persone invitate 
sarebbero venute comunque...
quando mai un Amburghese rinuncia ad una festa 
solo per due gocce di pioggia????
non è forse abituato a convivere con le avversità atmosferiche????




come si vede dal vaso da fiori....
 anche allora amavo soli i fiori bianchi
nonostante tutto il resto
 fosse un vero tripudio di colori...
e di leccornie che preparavo quasi sempre tutte da sola 
lavorando con assistenti i genitori di lui che erano sempre 
disponibili servizievoli e composti...
Poveri Oma Else e Opa Heinz
ormai sono morti....



Le vetrine si facevano sempre più belle 
e io ce la mettevo tutta per cambiarle continuamente 
spesso ci passavo le domeniche...
anche perchè si vendeva tantissimo 
e quindi si svuotavano in fretta...
Mentre la signora accanto sempre più colpevole
 e con cattiva coscienza 
lasciava giorni e giorni cartelloni enormi con su scritto 
prezzi ridotti.... meno trenta qua... meno cinquanta  là....

Insomma quando ti riesce tutto facile..
ti abitui a pensare...che sia, tutto facile..
io mi ero veramente illusa che sorridendo si ottenga un sorriso 
ma quando tu vedi che ti rispondono con odio e rancore 
come in uno specchio il rancore si diffonde e dilaga amaro.
Io sono una piuttosto accomodante di carattere 
nel senso che capisco sempre gli altri mettendomi dalla loro parte..
e cerco sempre di vedere il come gli altri fanno le cose... e il perchè 
le hanno fatte... ho una scusa per capire tutti e perdono sempre...
mi dimentico più che altro 
e un gesto semplice e carino ...mi cancella immediatamente
decine di gesti scortesi....
Se mi ci metto però anche io so essere dura...
e come!!!!!
Comunque anche l' Estate se così si poteva chiamarla
 passò e venne l' inverno...

iI locale si vestì a festa ...
eds io ero in piena esuberanza creativa 
spesso mi innamoravo della merce contenuta nel carrello telonato
che ci eravamo comprati per i trasporti personali
già quando era dentro impacchettata 
e qualcosa faceva capolino per caso 
da una busta o da un cartone....
Il carrello aveva un limite massimo di velocità 
di Ottanta chilometri l' ora
avete idea di quante ore ci vogliono per fare 1480 chilometri??
a volte anche ventiquattro Ore..
ma per noi ...valeva il motto
DER WEG ist DER ZIEL

Mano nella mano
con la musica dei più grandi cantautori italiani in sottofondo
 con Ty che dormiva sul sedile posteriore...
viaggivmo per ore nella nostra bella Crysler nuova fiammante
tutta nera e con le scritte dorate
poi Ty si svegliava  dicendo quando siamo arrivati??
 Wann Kommen Wir?
e allora si cominciava ad esser stanchi...e ci si fermava...



Estate e inverno viaggiavamo mensilmente su e giù per l' Europa
girovagando con un agenda strettissima tra tutti i luoghi della Toscana 
dove si trovavano le varie fabbriche
I fornitori ci invitavano spesati alle mostre di tutta Italia
ospiti in alberghi di  Gran Lusso
eravamo Buyer conosciutissimi e seguitissimi ...
molte delle aziende che ancora adesso sono famose
le scoprimmo da subito se guardate nelle foto
e avete un pò di esperienza riconoscerete nomi famosi in tutto il mondo.
Purtroppo oggi molte di loro sono inesvitabilmente chiuse.

Spesso io rifiutavo gli inviti..perchè preferivo rimanere a casa 
nel mio piccolo mondo con la mia famiglia 
con lui ....nella nostra casa accogliente 
piena di amore e di allegria...




Erano passati  ormai molti mesi dall' apertura
avevamo vissuto momenti di grande eccitazione 
era trascorso un Natale grandioso ...
le vetrine sfavillavano ...la città era una bolla di luce
Il 1994 si prospettava luminoso e pieno di speranze...


avevamo organizzato 
mostre Pittoriche e ospitato Eventi
il tempo passava veloce e pieno di cose..
non avevo nemmeno il tempo di pensare alle cose negative 
eppure ne succedevano di cose negative...


Ma le soddisfazioni erano tante...
io già allora...mi divertivo a fotografare..
.ed ero sempre immersa nei miei cambiamenti spotastamenti miglioramenti...
con Ty sempre al fianco che non mi mollava mai 
e Lui sempre con me..pensate che non possedevo nemmeno una chiave di casa mia
Se ricordo l' energia che invenstivo nel fare le cose..
la casa che avevo e le cene che organizzavo...
 dal nulla con poco
ma scenografiche come il set di un film
rimpiango non fosse ancora l' era digitale e
mi stupisco adesso, pensando..
ma dove la trovavo tutta quella forza..mentale oltre che fisica???
Questa che vedete sotto 
era una foto scattata da un fotografo di still life 
per il magazine Elle decor 
che ormai ci stava facendo conoscere in tutta la Germania..


Osservatela attentamente
per quello che si può vedere... e
pensate che era la fine del 1993
e l' inizio del 1994
c'erano ancora i Lussi Versaciani
 lo strapotere delle super modelle TOP 
Lady Diana era il mito di tutte...
non mio... che... (io parteggio da sempre per Camilla e i miti li aborro...)
c'erano le grandi ville a Miami quelle dei Versace sul lago
che di li a poco avrebbero fatto una brutta fine
e in Italia l' architetto Perego seguace e allievo di Mongiardino 
(e qui , please un inchino!!)
riempiva le pagine dei giornali di arredamento all'Italiana..
arredando , le trecento circa, 
case di Daniela Bongiorno  comprate forse dal marito 
il compianto MIKE con l' ennesima pubblicità del prosciutto 
e della grappa Bo.......
La quale Daniela se anche a parole non appariva mai nelle foto, 
con il consueto pudore della ricchezza degli Italiani ricchi
i quali hanno da sempe si vede una cattiva coscienza 
perchè non si sa come non la sfoggiano la ricchezza vera...
solo quella apparente....
così come i loro presidenti...non sfoggiano le mogli ..
 sulle riviste della Condè Nast 
tutta la famiglia Bongiorno con l' immancabile  biondissimo Leolino
campeggiava, facendo capolino dai ritratti incorniciati 
sulle maestose consolle dietro i divani damascati...

E quando il proprietario entrò in un bel giorno di quell' Estate 1994
improvvidamente caldissima
e ci disse che avrebbe fatto causa alla signora 
se noi l' avessimo fatta a lui
non sapevamo...che quella e non il Preishammer 
sarebbe stato il Martello che avrebbe cambiato 
con un colpo 
la nostra intera vita....

Ma di questo parleremo nella prossima...

la vostra Marzia Sofia 








3 aprile 2012

La storia del mio lavoro..... seconda puntata.



Nella parte superiore del locale quella che dava su strada
 i lavori erano finiti ...e la nostra commessa, Doorin
una ragazza venuta dall' est 
all' apertura delle frontiere con la DDR
si muoveva di qua e di là con la calma che le era tipica...
Avevamo appena festeggiato una sorta di inaugurazione 
con pochi intimi ed eravamo partiti per l' Italia...
urgevano rifornimenti,
 quando, la commessa ci aveva chiamato 
per dirci che tutto quanto era in negozio era finito..
eravamo rimasti sbalorditi...tutto finito, 
in un solo sabato!!!!!



Insomma nonostante tutte le difficoltà. 
le cose andavano bene...
i nostri fornitori producevano a pieno ritmo
e non solo per noi...dato che esportavano in tutto il mondo..
nonostante si avesse sentore dei Tempi che stavano cambiando...
tutto andava avanti...
In Italia era appena iniziato il processo a Tangentopoli
e in Germania dopo l' unificazione 
i tedeschi cominciavano a stringere la cinghia.
mica si fanno cogliere impreparati..LoooOOrooo.
Noi due intanto, impavidi
continuavamo a cercare di realizzare i nostri sogni.
All' inizio inaugurammo la parte superiore di circa 50 mq
quella che affacciava sulla via ..e che sarebbe stata il doppio più grande 
se il proprietario proprio a causa della grandezza del locale..
non avesse avuto l' infelice idea di darlo in affitto ad una tizia 
la quale annoiata dal fare solo l' amante... 
aveva pregato il suo Ganzo  di aprire per lei una bella boutique...

Peccato dividere le due belle vetrine, pensavo io
 e sotto sotto speravo che prima o poi 
avrei potuto prendere anche l' altra vetrina accanto e....
così avrei potuto unire tutto il locale...
Questo negozio che,  vi ricordo era il mio terzo
era situato in quartiere abbastanza elegante
 all' interno di un enorme viale... pieno, 
anzi stracolmo da cima a fondo, di negozi e ristoranti di ogni genere.
Per il primo momento i restanti più di duecento metri quadri sottostanti  
che erano posti alla fine di quella scalinata che avete visto nelle foto
erano coperti da un pesante tendaggio...
e la corte interna era vuota...




Una settimana prima avevamo allestito una fiera
così la mattina dopo aver smontato lo stand presso
Du und deine Welt)
Una sorta di expo Nazionale e Internazionale
Famosa in tutta la Germania e anche fuori
 in cui si trovavano esposti in decine di padiglioni 
tutte le più grandi realtà produttive tedesche e non, 
suddivise a Tema
Noi che non è che avessimo tutto questo gran che
avevamo presa tutta la merce rimasta 
e l' avevamo  trasferita nel nuovo negozio...
tenendo aperto per il momento anche il precedente
 il secondo, che era rimasto in un  altro quartiere...



Fino a notte tarda ....con Ty sempre al seguito, che, 
non sapendo dove lasciarlo era costretto a seguirci ...
avevamo dicevo smontato lo stand ....
e la mattina dopo ..avevamo usato il pavimento in Pvc
 a quadri bianchi e neri...che era servito per la fiera
per pavimentare il locale inferiore...
e aprirlo finalmente al pubblico...nel suo intero.
Era spettacolare...
Tendaggi di ogni genere cuscini cornici quadri oggetti di vetro e marmo
bicchieri piatti mobili e mobiletti
quintali di terracotte e marmi da giardino
che mi pare impossibile ad oggi  aver tutti venduto...


La mostra.. qui sopra vedete una foto...
era stata un successo
ormai ci conoscevano tutti in città 
eravamo diventati dei trend maker
dello stile per l' arredamento
da giardino e non...
e noi eravamo pieni di speranze!



Cambiavo le vetrine ogni domenica e
devo dire che erano uno spettacolo..
il perfetto miscuglio di cose Toscane 
rendeva il luogo più Toscano 
della Toscana stessa...



Il 1993
era appena iniziato e ne erano successe di tutti colori
Riina catturato...
Pacciani il supposto mostro di Firenze 
che aveva terrorizzato la nostra gioventù fiorentina..
anche lui ,ormai in prigione...
Il rubizzo Bill Cliton alla Casa bianca 
e il Salvatore... detto Salvo (me)... Berlusconi...
sceso in politica...
dopo che Craxi travolto dallo scandalo 
era stato costretto a dimettersi...





Il trenta di Aprile
uno squilibrato di 38, anni pugnala alle spalle Monica Sales 
durante il torneo di tennis di Amburgo
la città è sotto choc...e molte clienti sono impaurite...
si dice che l' Hamurgher ( intendo il cittadino di Amburgo)
sia molto English.. molto understandment ..
al contrario del Munchener più sfacciato..nello sfoggio della ricchezza, 
e che la pelliccia la porti all' interno..
ma il lusso si lasciava ammirare in tutta la città 
mentre ai primi cenni di fermento sociale... tutti tremarono...
L' aria cominciava a farsi pesante.....
Un mese dopo la bomba agli Uffizi  e la strage di via dei Georgofili
ci terrorizzarono veramente tutti....
Il terrorismo iniziava proprio come la Fenice
a risollevarsi...dalle ceneri mai spente.

Proprio mentre in America... una tizia incazzata e stufa,
Lorena Bobbit
 taglia il pisellone al marito...
e lo butta per strada, fuggendo..
...cercheranno di riattaccarglielo ma con deludenti risultati....









In Italia
si suicida Raul Gardini.....e finisce l' epoca degli Yuppies
i coinvolti nelle inchieste di Mani Pulite
muoiono come le mosche..
non abituati alla caduta, si buttano giù da soli...
e lasciano eredi distrutti e cittadini inorriditi.
Era iniziato un periodo difficile...
e la gente cominciava a chiedersi perchè ..
e a farsi molte domande...
erano finiti i Faboluos 80'....





A fine ottobre muore Federico Fellini
quasi a significare che la Dolce vita è finita....

E in Italia va di moda lanciare sassi dal cavalcavia... 
qualche imbecille si diverte a uccider la gente così...
ed io, che viaggio per 24 ore in autostrada su e giù ogni mese
 mi storco il collo a guardare ogni viadotto....



Helmut Kohl
il cui cognome in tedesco vuol dire Cavolo 
 da me soprannominato Cavolone data la stazza,
ormai diventato il Cancelliere della riunificazione...
annaspa nella difficoltà della ferale scoperta  
... ha promesso cose ai fratelli dell' Est 
molto difficili e pesanti da far digerire a quelli dell' OVEST

Errori di valutazione 
che macchieranno la sua ascesa alla Storia.
In un eccesso di mania di grandezza, 
ha elargito loro il cambio uno a uno sul Marco 
(DM) la potente moneta Nazionale....
ma non ha dato loro tutto il resto ....e come sempre succede
 alla gente dai uno... e pretende il doppio.
Per ciò credo... ha la tentazione di sputare in faccia 
agli economisti che lo hanno consigliato...ma sorride suo malgrado,
grosso e impettito tra i Grandi del mondo...e va avanti 
fra la scontentezza di tutti..
ma per fortuna (sua) fa parte di un paese 
che ha accettato Hitler senza ribellarsi sicchè...per ora,
 tutto pare andare avanti normalmente ..pare...



I grandi ricchi rimangono ancora tali..ma la middleclass
tituba e vacilla, se prima si vendeva senza problemi
qualsiasi genere di merce...tutti desideravano tutto...
e se prima per un invito a una cena importante... si arrivava a
 regalare un vaso da 150 DM... ora la gente ci pensa di più 
a comprare cose del genere...
e per ora ...decide di regalarseli per se....


Ancora per fortuna...desidera imbellire il proprio giardino...
e la propria abitazione ..ma lo fa con studiata moderazione.
 Il nuovo Tedesco quello tra i trenta e i cinquanta..
adora l' Italia e la sua cultura...ci va in vacanza, veste Italiano...
adora Versace...e Armani e va avanti imperterrito
ad aprire negozi  e locali alla moda...in stile Italiano.
Gli ex emigranti... aiuto cuochi, ormai divenuti 
dopo tanto duro lavoro Chef di tendenza,
hanno macchine di lusso 
e anche se non parlano una parola di tedesco dopo trentanni 
sono rispettati e venerati da tutti...
Se sono Italiani sono ormai sono delle vere e proprie Star.
Come lo divento io una Star...ammirata e invitata ovunque...
La gente alla moda o comunque di un certo livello, come si dice 
quelli insomma della classe abbiente,
 pur aiutando organizzazioni di volontariato
e investendo molto in  Beneficenza 
riesce ancora a coltivare una vera passione, 
per la casa e la sua intimità..
per l' arredamento e il Bel vivere all' italiana.



Il tempo brutto  come si sa non aiuta, a vivere all' aperto 
e il popolo di ogni ceto sociale
si gode fantastiche serate in casa di amici ,
ascolta musica Italiana
Bocelli e Pavarotti sono MITI
e si ritrova la sera davanti ad un piatto di 
SCHPACHETTIKARBONARRA
in case molto belle e curate fino al particolare...
Bevono ogni sorta di vino Italiano di qualità
usando sughi di salsa italiana e spaghetti ...veri, Barilla...original...
Fa molto chic usare l' olio d' oliva 
 e nei supermercati lo vendono a peso d' oro così come il parmigiano....
I pomodori con  basilico sulle Mozzarelle  
vengono declinati in ogni forma come fossero piatti da Gourmet
e non vi è ristorante che non presenti queste leccornie 
come Antipasto
Il locali alla moda Italianeggiano allegramente....
e l' Italia è il loro sogno...conoscono Firenze e Roma meglio di noi 
e adorano surfare sul Garda...
sanno tutto della nostra politica e hanno una antipatia feroce per Berlusconi.Nelle città ma anche nelle piccole comunità
non mancano mai mostre dedicate all' Italia
e son così capaci che rendono la loro terra brulla...
 così ospitale e magnifica 
quasi che fosse un Italia più concentrata.


Mentre tra le candele accese e i fiori freschi, che non mancano mai
nei loro Gazebi di vetro chiamati Wintergarden (giardini d' inverno)
 brillano sui tavoli imbanditi a festa fiori di vetro di ogni colore.
Le tavole imbandite, prospicienti magnifici giardini pieni di terracotte 
ricolmi di piante di ogni tipo ti accolgono,
coi piatti di porcellana serviti su miei sottopiatti decorati 
e posate col manico d' avorio di colori diversi e bicchieri di Murano
 una debole luce tintinna dentro un mio Windlichter.
Termine intraducibile che sta a significare 
un contenitore di vetro che accoglie un piccolo cero che si muove al vento...
ne vendo a centinaia di tutti i colori...
li ho inventati per caso...


Nei miei mensili viaggi io intanto rastrello fornitori su fornitori 
tutti mi accolgono come fossi una benefattrice...coi tappeti rossi...
non tanto per quello che io effettivamente posso acquistare per me
 ma sopratutto per quello che sanno dopo di me..
venderanno alle grandi catene come

                                                          Tchibo Holding - Wikipedia 

 o altri giganti della distribuzione
che, di quello che io mi invento...
 anche solo provando con dei resti di magazzino
messi insieme ..così ...per divertimento...com'è stato per i Windlichter...
comprano centinaia e centinaia di esemplari...
Faccio moda, e non me ne accorgo quasi nemmeno...
se non che me lo dicono loro, i fornitori e mi ringraziano
loro mentre io nemmeno lo so...
persa come sono nella mia follia creativa...
Vedo si, che sono proprio presa di mira 
dallo spionaggio industriale...ma,
Che mi importa...penso
tanto alla prossima io cambierò tutto 
e loro saranno ancora a mordere il freno...


Ho amici importanti.
persone fantastiche ...divertite dalla mia esuberanza ...dalla mia follia
dal mio gusto ...e dalla mia spontanea allegra capacità...
di sdrammatizzare, recito Dante a memoria 
e loro non ci capiscono nulla ma battono le mani commossi
e mi fanno molta tenerezza.
Invito Consoli alle inaugurazioni e sono amica delle loro mogli 
faccio feste megagalattiche 
con lotterie e premi fedeltà...
Ty bendato, tira sul il numero 
e si estraggono a sorte cose enormi tipo fontane 
o statue di due metri...
Hamburg è la città più verde d' Europa e i giardini sono ovunque 
sembrano da paradiso musulmano.


Le grandi riviste tipo Elle decor vengono e ci offrono servizi...
le più famose redattrici di magazine di arredamento 
tipo il più letto in Germania 
 tra l' altro è stata anche mia cliente
mandano le loro redattrici
prendono i nostri oggetti per fotografarli 
ce li pagano come li avessero acquistati e ce li riportano...intatti..
Le signore li vedono sulle riviste
 e ne ordinano in blocco dozzine di piatti o bicchieri 
per le loro Finca ad Ibiza 
si dice che le Baleari siano la ventunesima....land ( regione) tedesca...
e quasi  i nostri clienti tutti hanno una casa là..




Arrivano con le loro Porsche di lusso con autista 
e ordinano decine di cose che a volte non ho
perchè le ho finite appena scartate..
Quando vengo dall' Italia si infilano nei magazzini
con le loro Hermes semiaperte al braccio
e i loro completi Chanel
ed eccitate come bimbe spacchettano con me la roba dai cartoni
e non aspettano nemmeno che io ci scriva il prezzo...
pagano e se ne vanno...
convinte di aver fregato l' amica..sul tempo..
per poi tornare quasi come fosse una droga..
 avide di tutto come bimbe impazzite.





Consegnamo mobili oggetti e cose da giardino ne importiamo pallets interi TIR..
in tutta la città.. una città che è una piccola (si fa per dire) Londra 
nel senso che solo Londra è più enorme...
le ville Vittoriane dalle colonne monolitiche si sprecano
lungo le rive dell' Alster il lago navigabile che sta in mezzo alla city
ne è costeggiato tutt' intorno
Sulle sponde del Elbe il fiume maestoso che la attraversa...
poi Ville sono immerse in parchi immensi  da sogno ..
luoghi che non oso nemmeno guardare
ma che mi trovo a visitare con gli occhi spalancati 
come un bimbo davanti ad un parco giochi
eh si  ....io mi giro di qua e di là 
col naso in aria, come una bambina stupida...


Ma come sempre 
quando tutto sembra andare per il meglio 
accade l' imprevedibile...
come un piccolo segno impercettibile di sventura
 qualcosa che dovrebbe funzionare ...da se
di colpo 
si blocca ...si rompe ...
si spezza....



e mentre il lusso degli oggetti si moltiplica 
e la fedeltà della gente pure...
la prima avvisaglia dei problemi 
ti arriva tra capo e collo... senza che tu te lo aspetti
senza nemmeno che te lo sospetti...
anche se per natura tu sei una che se lo aspetta sempre
il peggio...
 figlia come sei, di tua madre....



Come un martello gigantesco
che si abbatte sulle tue sicurezze sulle tue speranze sui tuoi sogni
è allora che ti senti improvvisamente cadere  e hai
sulla testa un qualcosa di indefinibile...
una spada di Damocle che pesa lassù in alto ...
e sai bene che dovrà cadere, e che non potrai fermarla...
che si abbatte su di te e....proprio quando tu speravi di volare 
cadi a terra...
e nemmeno sai come...

In tedesco PREISHAMMER
VUOL DIRE PROPRIO
MARTELLA PREZZI
GUARDATE UN SECONDO QUESTA FOTO DI SOTTO
lo vedete...si sarebbe trattato di un solo negozio con due vetrine...



vedete qualcosa? 
Riflettete....
PREISHAMMER.
 non che questa cosa sia stata la causa di tutti i nostri mali...
in realtà
questo è stata solo la causa scatenante 
per quanto assolutamente ininfluente 
anche se orribilmente fastidiosa e degradante...


vedete quello che abbiamo noi??
difficilmente imitabile no?? 
se pensate che stiamo parlando di ventanni fa...
beh difficile apparentemente
da imitare con merci cinesi non vi pare???
ma succede qualcosa ...
e come nei romanzi noir
 e questo scombussola... improvvisamente... tutti i nostri piani...



I segni a volte sono contradditori 
possono voler dire qualsiasi cosa
bisogna saperli interpretare 
a volte può cambiare il corso delle cose???
Ora io credo di si...ma allora
 era presto, perchè io Cassandra 
fossi creduta... 
Neppure io pur vedendoli
quella volta  fui capace di far capire
agli altri
cosa sarebbe successo, 
dopo che tutte quelle cose finirono sul pavimento
completamente distrutte...
io avrei potuto e  avrei dovuto pensarci ?
e fermarli tutti...????
Ma le cose erano ancora lontane da venire
troppo lontane...
anche se sarebbero iniziate da li....


o forse addirittura da qui..non so...
I segni sono segni e a volte sono indecifrabili..
ed è per questo che non sono sicuri 
nr tantomeno affidabili...




Io comunque continuavo la mia ascesa
il mio sogno mai sognato 
si stava realizzando
 avevo poco più di trentanni
ed ero felice....
non tutto quello che è d' oro
brilla e viceversa...
come si sa...



Guardate la faccia dell' uomo 
che guarda la vetrina accanto
e osservate il labbro dubbioso 
ho fissato questo fotogramma 
per uno di quei casi del destino
eppure... 
dice esattamente quale fosse il nostro
sentimento,
quando decidemmo di chiamare il proprietario 
del locale a venire a vedere che cosa i vicini ci avevano combinato..
Umlauterewettbewerb 
si dice in tedesco
già il nome terrificante 
in italiano più semplicemente 
Concorrenza sleale...




Ma non si trattava nemmeno di questo
e noi
sicuri di quello che eravamo 
e di quello che avevamo da offrire... 
così senza nemmeno tanta convinzione 
decidemmo di dare ascolto al proprietario del locale. 
E mal ce ne incolse.


beh per ora....contemplate 
con calma 
ci sono troppe cose da chiarire ancora..
troppo da sapere
bisogna andarci piano... sono cose delicate...
Rileggete il tutto 
che se no poi giudicate troppo in fretta ...
è un vizio di noi donne, suppore sempre tutto...
giocare all' indovinello
ci riteniamo tutte streghe
aspettate un pò prima di parlare
e non commentate...( tanto non lo fate mai )
e ...il resto alla prossima puntata....
se vi va...naturalmente!!


la vostra Marzia Sofia

La mia prima vita. Parte III

Come eravamo...   La passioni si manifestano in noi, fin dalla più tenera età. Ci si depositano nell'anima e non ne escono più. Arruggin...