19 dicembre 2013

E sono Ottanta !Auguri Babbino mio...


A te che mi hai insegnato
l' arte di dimenticare
a te che mi hai insegnato
a saper poi sopportare
a te che mi hai insegnato
sempre ad accettare


a te che non sapevi amare
e che invece hai amato
a te che non sapevi parlare 
e invece hai sempre parlato
a te che parevi non capire
e invece hai capito tutto...


a te che hai amato il tuo sogno
e hai anche compreso anche il mio
a te che non mi hai mai capito
ma mi hai sempre sorriso...


a te che non hai mai mostrato tanto
e che mi hai sempre e solo aspettato
a te che sei stato sempre  il mio mito
e che non mi hai mai tradito...


a te che siamo così diversi
 ma alla fine così uguali
a te che sei la mia parte migliore
e che sei sempre il mio amore
e a te che non mi riconosci più
e che non sai più parlare...
a te che mi hanno rubato tutti  i tuoi consigli 
tutti i traguardi e tutti i tuoi appigli
a te che mi hanno scalzato
dalle le tue spalle per piangerci 


a te che sei il mio babbino caro e niente di più
a te che mi manchi tanto, ora che ci sei di più
a te che mi manchi ancora di più
anche adesso che ti ho con me...


Auguri 
a te e a me che ne ho bisogno
per accompagnarti fino in fondo 
a questo tuo respiro

Auguri babbino mio...

spero che tu riesca almeno
a viverli meglio 
quelli che ti resteranno...

Tua Figlia

17 dicembre 2013

Dei sogni e regali, senza regali da sogno...


Certe volte i sogni costano
e non si può dire mai di averli realizzati..
e il peggio è quando i nostri sogni ci perdono e ci portano via
Ogni volta che se ne raggiunge uno ce ne scappa un altro...



lo strano è descriverli i sogni di che materia sono fatti?
di carne di aria di vita di tempo?
I sogni sono volubili e tenaci
al tempo stesso..



I sogni rimangono insieme a noi tutta la notte e
non si dimenticano di noi il giorno
 a realizzarli ci si sente svuotati a volte però...

meglio tenerli nel cassetto allora?
chi sa è probabile..
quante di voi
hanno un sogno di riserva?


perchè se li guardate bene i sogni spariscono
e non ci si ricorda nemmeno più perchè li si era sognati...


è come con i regali di Natale
quanti sono indovinati?
Ieri leggevo un bellissimo post
sui regali
e io devo dire
devo essere proprio vecchia
se ricordo di quando ero ragazzina
e con le centomila che mi dava mia nonna a Natale





che erano tanti soldi ricordo
perchè eravamo alla fine degli anni settanta
io passavo di negozio in negozio
 alla ricerca di qualcosa che costasse cinqemilalire
esatte
Cinquemilalire a testa
uno per uno genitori sorella ragazzino zia cugini
io portavo regalini a tutti
e come li confezionavo
ricordo c he avevo una passione sfrenata per i regalini
pensati...


ricordo che setacciavo le offerte in profumeria per la mamma
che è una patita dei profumi
per il babbo sempre qualcosa per la bici il suo sport
a mia sorella bastava
qualcosa di diverso ogni volta
e poi la nonna l' adoravo
e la mia zietta
e poi tutti i suoi tre figli
insomma
ci pensavo...


ora sono a pochi giorni dal Natale e mi ritroverò
senza un regalo pensato
da quando ormai venticinque anni fa
 aprii il mio primo negozio in Germania
è tutto cambiato
ma voglio parlarvene con calma
oggi finisco qui..
Scusatemi se ultimamente vi ho abbandonato
ma voi non non mi abbandonate mai e
 per questo ve ne sono grata
Seguitemi ancora
prima o poi ricomincerò ad essere più
produttiva con questo Blogghino che mi ha dato tanto
e con voi
che lo so mi volete bene e ogni volta che qualcuno
 mi scrive mi dice che lo ha letto tutto
io rallento per darvi il tempo di leggerlo tutto...
ormai molti ne sanno quanto me, su di me...
La vostra Marzia Sofia


13 dicembre 2013

Icone di stile


che cosa serve per inventarsi uno stile???



che cosa fa si che si possa dire io ce l' ho fatta?

e in realtà, si può mai dire di avercela fatta?

che cosa serve per sentirsi soddisfatti?

di un lavoro di uno stile di un opera compiuta?



che cosa fa si che ci si possa sentire veramente capiti?


credo che per me sia difficile molto difficile
pretendere di più...

da me stessa e anche dagli altri
credo proprio che dovrei sentirmi a posto...
eppure
son sempre alla ricerca di quel qualcosa in più?
Mi fermerò mai???
Non credo
anzi solo in un caso....
Marzia-Sofia


9 dicembre 2013

Il Nuovo Atelier Gustavien



spesso mi dico...
ma quanta roba possiedo??
beh un sacco
ogni volta che debbo fare un trasloco e ne ho fatti decine in vita mia
mi prende male...
poi guardo e dico...
mamma mia quante cose ho fatto in vita mia
ecco perchè a volte mi sento così stanca...


vi ricordate com'era QUESTO LOCALE?
forse non ci crederete ma era così
appena due settimane fa


non vi dirò le mie vere considerazione su queste immagine
stavolta
 vi lascerò pensare
e se mi conoscete
sapete già cosa direi
no non lo sapete???
allora non mi conoscete...
che chi mi conosce
un pò sa che non sono mai contenta...


naturalmente le immagini sono sorprendenti
oltre che di pessima qualità
come sempre 
purtroppo
dice ma sei la sola blogger di un certo successo
che ha una pessima
qualità fotografica?
eh lo so
non imparo..
I Blog dove le immagini sono di altri si salvano
quando mettono le loro
però di solito
e non sempre sia chiaro
mettono la quinta e volano


abbiamo anche dipinto il pavimento
non come lo avrei voluto nel progetto ma non era possibile
fare altro
anche per mancanza cronica di tempo
il vecchio Atelier
quello per cui tutte mi conoscete
è in rifacimento totale...
sapete in un vecchio palazzo l' umidità la fa da padrone 
e le mura stavano crollando quasi...


abbiamo preso la decisione in mezzora
e abbiamo pensato
che dovevamo prendere questo
che era il più grande dei possibili
che investire
in locali è suicidale di sti tempi
e ci siamo spostati 

ed è stata una bella lotta
direi soddisfacente
ma mai abbastanza da contentarmi si intende
io non sono mai contenta
se Ty mi legge gli chiedo perdono
lui non vuol nemmeno sentirmelo dire che si sturba


si si mi rendo conto che le immagini risultino sorprendenti
specialmente per coloro che
impiegano una settimana per dipingere un vassoietto
e a volte ho letto cose simili
scusate l' ironia devo rispetto a chi ci mette passione comunque


insomma io ho dovuto
fare tutto di fretta
a Gennaio si inizieranno i lavori di ristrutturazioni dell' altro..
quindi non c'era tempo
da perdere e noi non ne abbiamo perso...


ma siccome questo al contrario dell' altro è prettamente laboratorio
dovevo smorzare le mie velleità
decorative e privilegiare
il pratico e l' utile
e siccome a me anche quello deve parere bello
insomma
beh c'è stato da combattere


così Ty voleva che fosse funzionale
e ha insistito perchè comprassimo oltre ai mobili che avevamo 
questo che era una semplice sotto credenza e che è diventato un 
bancone divisorio
è bastato togliere il retro e chiudere il davanti
ecco un idea da copiare
immediatamente...
eh quante idee mi vengono...


così qui vedete il risultato
la stanza risulta molto diversa non trovate??
nelle foto non si vede ma l' ambiente risulta spazioso e comodo
sufficiente per lavorare
e per tenere i corsi...


per ora poi ho fatto solo qualche divertissment
come il mio alberello omaggio
all' arte Topiara
poi con il tempo se resteremo qua
migliorerò le cose...


per ora questo è quanto...

ho talmente tante foto 
che devo mostrarvi tutto un pò per volta
 se ci riuscirò a ricomporre il puzzle
si intende che non ho nemmeno avuto il tempo di uscire un pò per volta
per raccapezzarmici stavolta...
spero vi piaccia se volete vedere più foto...
andate su
 https://www.facebook.com/AtelierGustavien?ref=hl

Buon fine settimana a tutti
io e Ty ci diamo sotto a preparare la roba
per la prossima avventura Toscana
11 stanze in 11 giorni!!!
I so pazz... i so paaazzzz
la vostra regina dei matti

Marzia Sofia



5 dicembre 2013

Il nuovo Atelier Gustavien


Come si sa dicono che io sia Maga
e in verità a volte lo penso anche io
eppure a me sembra veramente di non fare mai abbastanza


però quando vedo come era questa parete dieci giorni fa
beh un pò qualche dubbio mi viene
anche a me...


quando ho visto queste mura
e ho saputo che 
era appena libero
da un altro inquilino
mi son detta capperi


deve essere mio
in men che si dica Amen
ho chiamato il numero sulla vetrina
 e diciamo che se non fosse stato per la proprietaria che ritardava
per problemi suoi
saremmo stati pronti anche prima...


la scelta dei colori
e il progetto 
è nato di mattina prestissimo
e mi sono subito innamorata di queste possibilità


così appena avute le chiavi
io e Ty ci siamo messi d' impegno
e ci abbiamo dato sotto...

sembrano piccole cose
 ma abbiamo dipinto le vetrine in ferro
 che ora paiono di legno
abbiamo perlinato tutta la parete iniziale
abbiamo pavimentato la vetrina


poi abbiamo iniziato a dipingere in stile Gustaviano
io intanto mi divertivo un pò con la vetrina 
con le due cose che avevo


erano giusto due idee
e le ho sbattute in prima pagina

all' interno Ty si è divertito
ehm ehm
con le pareti
che per coprire di più
ma è stato impossibile farlo del tutto
erano di un orribile giallo squillante


insomma ho creduto per un momento di non farcela
e mi ha preso una paura fottuta

ma continuavo a tenere la vetrina aperta
e tutti a fermarsi e a stupirsi
è stato un lavoro
molto faticoso
devo dire o forse sono io che invecchio...
che ne so
sono distrutta...
ma ve ne parlerò in diversi post ora devo correre a finire 
che dopodomani si inaugura...
ed ecco la stessa parete com'era ieri sera...


Grazie a tutti di seguirmi numerosi
Un bacio Marzia Sofia
la regina più stanca che ci sia...



La mia prima vita. Parte III

Come eravamo...   La passioni si manifestano in noi, fin dalla più tenera età. Ci si depositano nell'anima e non ne escono più. Arruggin...