12 marzo 2012

La storia e la crisi...un post non triste ,solamente realista!



Mi son tirata su dal letto stamani e
mio padre non trovava il latte..
il frigo era pieno ma lui non lo trovava
e mia madre diceva... bisogna far la spesa
bisogna far la spesa
non c'è più nulla..

per me il frigo è anche troppo pieno
ma loro hanno visto la guerra...
 Frigo vuoto povertà in arrivo
hanno visto la guerra da bambini...
ma chi di noi...oggi  sa veramente cos'è la povertà?
e ci lamentiamo.....


c'è crisi nell' aria...
crisi economica...
crisi esistenziale ... crisi d' ispirazione..
crisi!!
tutto ciò che non funzione è in crisi..
e pure tutto ciò che funziona...



i soldi sono sempre meno 
e chi li ha li tiene stretti
i lavori diminuiscono
gli stipendi non salgono da anni
le pensioni scendono...


siamo in una disperata decadenza 
di valori e di ideali e di sogni
i nostri figli non ne hanno nemmeno più
di sogni...
quelli veri ...
che non è un sogno avere l' I phone
ma un lusso...
noi dell' età di mezzo che ormai
siamo scivolati tutti in là di un decennio..
ci arrabattiamo tra figli adolescenti a trentanni
e genitori
bambini ad ottanta


non sappiamo nemmeno più
quale sarà il nostro futuro nemmeno quello più prossimo
le pensioni ci saranno??
potremo ancora a sessant' anni ...
fare una crociera ai Caraibi 
o andare sulla neve d' inverno??
Ci hanno convinti ad imparare tutto
anche i balli Latino americani
le palestre di Pilates
sono piene di bambine quarantenni
abbronzate e spillate
gli uomini ormai
invece di portarci a guardare il cielo,
si sono inglesizzati
e ci mostrano Sky
sul divano nero di pelle nera dove spesso 
si farebbero frustare per divertimento 
dalla domina di turno...


ci dicono che sia questo... il 21 secolo
a me pare tutto un casino..
io vorrei tornare
ai tempi del re Sole 
non perchè si stesse meglio
ma perchè almeno i ruoli erano davvero
più definiti...
i figli rispettavano i genitori
che altrimenti li mandavano senza ritegno a spigolare
i vecchi non avevano la pensione
 e morivano quando non eran più capaci di far niente
non sopravvivevano per quarantacinque anni
sulle spalle di uno stato che da molto di più di quanto ha ricevuto in lire
e nonostante ciò
fa morire di fame i meno abbienti
Uno stato autoriferito
che mantiene i proprii capi
a spese del popolo bue...
Mi direte ...ma il popolo è sempre stato schiavo...


ceeeerto che lo era.. e sempre lo sarà
solo la nostra epoca ci ha dato
un altra illusione... 
e la mia impressione e che ci si sia fermati a metà
nella strada della verà umanità
e della civilizzazione
se l' essere umano del diciassettesimo secolo
è quello che ghigliottinava il re 
solo per uccidere un simbolo...
noi non siamo certo più civili 
perchè abbiamo lasciato gente incapace 
al potere per decenni... 
senza saper far niente
Francia o Spagna basta che se magna!!!...

Sarà che io sono notoriamente pessimista..
ma c'è crisi nell' aria 
c'è crisi davvero!!! 
e chi lo sa, dove andremo a finire???

Il fatto è che non abbiamo più speranze..
e ancora la maggior parte di noi
non si rende conto che tutto quello che pare acquisito
un giorno... da un secondo all' altro... può crollare
e allora...crogioliamoci nel buonumore
tanto per dimenticare...
ma scusatemi se..
io penso che non si debba dimenticare!!
Qua c'è da ricordare!!!!

Insegniamo la storia a scuola..
serve più della matematica a volte...
e ciascuno dovrebbe leggerla...
tanto per non dire cazzate!!!
Io sono dell' idea che più la Storia che altro
insegna ai popoli
a non fermarsi maiii...non era così che cantava Venditti??
ah no quello era l' amore...
allora facciamo l' Amore per la Storia...
L' anno scorso di questi tempi iniziavo i lavori all' Atelier..
ah bei tempi! eppure non lo sapevo...

Non si sa mai
quando potrà peggiorare...
e allora cerco di non pensare...quello che fanno tutti credo!!
Buona settimana e speriamo che lo sia..

la vostra Marzia Sofia

ah grazie a tutte le nuove amiche dei bei commenti..

7 commenti:

Nik ha detto...

Sorella! Non sai quante volte in questi ultimi tempi mi identifico con i tuoi pensieri di oggi!

Viviamo freneticamente per badare vecchi non autosufficienti e ragazzi senza sogni, ma quand'è che riusciremo a vivere per noi stessi?

Io cerco di vedere un po' di vita e di futuro seguendo il mio giardino al quale dedico una passione come la tua per la sua crescita.

PS: se puoi nel layout del blog metti un'immagine di fondo più lieve: con questa diventa difficoltosa la lettura.

incasadisilvia ha detto...

Mai come in questo periodo è valido il "carpe diem"!
Felice giornata...
Silvia

Anna ha detto...

Eh si Marziè è dura...più che altro perchè ai nostri figli hanno ucciso i sogni, ma dobbiamo essere ottimisti...quando si tocca il fondo..poi ci si rialza... Buona settimana bacio Anna

Rosa ha detto...

Ciao Marzia, hai ragione si tende a rimuovere le cose negative tuffandoci e illudendoci con cose che ci distraggono, altrimenti andiamo nel panico se pensiamo a tutto cio' che non va, si va avanti per inerzia, finche' va bene,facciamo quello che dobbiamo fare, ma la sicurezza del domani rimane sempre un'utopia, tornerei indietro anch'io, senza arrivare al re sole, ma di una 30 anni, oggi e' un casino dappertutto, vero...
ciao baci rosa a presto buona settimana

Anonimo ha detto...

una donna dei nostri tempi, tempi incerti, figli insicuri senza lavoro ma cosa possiamo fare?dare e darci "un domani e' un altro giorno". hai fatto una fotografia dei pensieri di tante donne me compresa. lori

Unknown ha detto...

Sono d'accordo con te,sono pienamente ragione a quello che hai scritto in questo post.....
Di solito sono una persona ottimista.....
Ma questa volta ho paura.....
Non vedo niente di buono ne per noi ne per i nostri figli!!
Qui neanche l'ottimismo ci aiuta,servirebbe NA BOTTA DE CULO e basta.....
Solo che arriva e pochi e non a tutti......
Buona giornata cara
Sabry!!

Unknown ha detto...

Cara Marzia qualcuno ha detto che solo dopo aver toccato il fondo si può risalire..il nostro paese forse l'ha gia raggiunto..speriamo giunga il momento di risalire!

La mia prima vita. Parte III

Come eravamo...   La passioni si manifestano in noi, fin dalla più tenera età. Ci si depositano nell'anima e non ne escono più. Arruggin...