18 gennaio 2012

Rose d' amore e d' amicizia.

    IN MORTE DEL FRATELLO GIOVANNI
    Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo di gente in gente, me vedrai seduto su la tua pietra, o fratel mio, gemendo il fior de' tuoi gentil anni caduto.




La Madre or sol suo dì tardo traendo
parla di me col tuo cenere muto,
ma io deluse a voi le palme tendo
e sol da lunge i miei tetti saluto.




Sento gli avversi numi, e le secrete
cure che al viver tuo furon tempesta,
e prego anch'io nel tuo porto quiete.



Questo di tanta speme oggi mi resta!
Straniere genti, almen le ossa rendete
allora al petto della madre mesta.





































5 commenti:

Unknown ha detto...

Non ragionam di lor,ma guarda e passa...dietro l'angolo c'è un sorriso per te! Lieta

Unknown ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Nell'amicizia,più che nella bruschetta,bisogna equilibrare bene tutto, sia nel comprendere che nell'essere compresi,pedonare gli errori reciproci,ed essere sinceri sempre ed adeguarsi,dove si può,ai gusti o modi diversi dai propri,a tutto ciò il bene non può mancare.Io ho amicizie da lunghissimi anni,ma a volte ho sorvolato su cose che mi hanno ferita e ne sono contentaxchè certamente anche io avrò mancato in qualcosa,e l'amicizia è rimasta intatta e vera.Questo è ciò che penso.Ciao cara Marzia<3<3<3maman

Anonimo ha detto...

Marzietta...io sò il pane, quella tale pagnotta...quella che dopo due settimane era ancora buonissima da mangiare!!! Lorena!

°°valeria°° ha detto...

da Marzia le idee nascono anche mangiando una pizza o una bruschetta... bella la tua teoria sul pane,sale, pomodoro e olio...
In questo momento io penso di essere un pezzo di pane cotto male, sul quale si sono dimenticati di mettere il sale e hanno usato un olio di riciclo...e che per aggiustare l'aspetto hanno deciso di buttarci su una passata di pomodoro...almeno agli occhi degli altri il rosso può mascherare il resto!
buona giornata Valeria

La mia prima vita. Parte III

Come eravamo...   La passioni si manifestano in noi, fin dalla più tenera età. Ci si depositano nell'anima e non ne escono più. Arruggin...